menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stadio San Nicola, scintille in Consiglio comunale. Decaro: "Obiettivo migliore soluzione"

Botta e risposta nel corso della seduta monotematica di ieri. Le opposizioni criticano l'amministrazione e scrivono all'Anticorruzione. Il sindaco: "Proposta Fc Bari novità rispetto a bando quinquennale"

Il futuro e la gestione dello stadio San Nicola continuano a generare polemiche tra l'amministrazione comunale e i diversi schieramenti politici. Ieri, in Consiglio comunale, si è discusso in una seduta monotematica, decisa ad aprile scorso, quando in aula Dalfino venne votata, assieme alla delibera per la gara quinquennale riguardante l'impianto barese, anche un ordine del giorno per il quale se l'Fc Bari avesse presentato un progetto, vi sarebbe stata una relazione in Consiglio. Detto fatto. Il 30 maggio la società barese ha inviato le carte dello studio preliminare e il Comune ha effettuato un'instruttoria.

Il Comune: "Priorità a riqualificazione su lungo periodo"

Tra botta e risposta si è arrivati all'appuntamento di ieri, in cui il sindaco Antonio Decaro ha fotografato l'attuale situazione: "L'obiettivo - ha spiegato - è quello di trovare la soluzione migliore per la squadra, i tifosi e la città. Da parte nostra c'è sempre stata la volontà di assegnare una concessione a lungo termine. A tal proposito, in passato ho avuto incontri con rappresentanti nazionali, come B Futura, Credito Sportivo e Invimit. La proposta dell'Fc Bari rappresenta una novità importante rispetto al bando quinquennale. Noi dobbiamo comunque procedere con la gara. Se arriverà un progetto così come richiesto dalla legge il Consiglio comunale potrà chiedere di portare in aula il provvedimento, sospendere la gara e valutare nell'interesse pubblico prevalente una concessione a lungo termine".  Sulla stessa linea d'onda l'assessore cittadino allo Sport, Pietro Petruzzelli: "Daremmo priorità - afferma - alla riqualificazione su lungo periodo. In aula abbiamo ribadito che se l'Fc Bari o un altro privato volessero presentare uno studio di fattibilità come disciplinato dall'articolo 72 sulla legge sugli stadi, a noi farebbe molto piacere"

Le opposizioni: "Troppe proroghe inutili"

Al termine dell'intervento del sindaco hanno preso la parola numerosi consiglieri di maggioranza e opposizione. Irma Melini (Scelgo Bari) e Domenico Di Paola (Impegno Civile) hanno inviato una nota congiunta all'Autorità Anticorruzione, nella quale ripercorrono gli ultimi passaggi della vicenda stadio, puntualizzando sull'ultima proproga della concessione, il cui termine ultimo è slittato al 30 giugno 2018: "La proroga - sostengono - non contiene alcuna garanzia per la manutenzione dell'immobile che, nel frattempo, è in pessime condizioni". "Sono tre anni che parliamo di stadio San Nicola - ha aggiunto Fabio Romito (Misto). Dal 2014, dopo non so quante interrogazioni in aula sulla gestione e le reiterate richieste di chiarimenti qui stiamo discutendo dell'effimero. L'unica cosa che non andava fatta da parte dell'Amministrazione, ovvero la proroga della concessione, è stata concessa".  "C'è da piangere per come è messo lo stadio, per la burocrazia e il lassismo che hanno impiegato negli anni" ha invece chiosato Sabino Mangano del M5S.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento