menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stadio San Nicola, minoranza attacca e Comune risponde: "Nessun problema di agibilità"

Scintille dopo il rinvio dell'approvazione della delibera di indirizzo in Consiglio. Le opposizioni: "L'assessore allo Sport si dimetta". Palazzo di Città: "L'impianto ha ricevuto l'omologazione dalla Lega di B"

Prosegue il botta e risposta tra le opposizioni di centrodestra e la maggioranza sulla questione stadio Sna Nicola. ieri lo stop, momentaneo, all delibera di indirizzo per la gestione dell'impianto sportivo, sulla quale, dopo il sì della Giunta, è mancato il numero legale in Consiglio. La questione tornerà in aula martedì prossimo e, in quel caso, non dovrebbero esserci problemi per l'approvazione. Il centrodestra, al completo, attacca l'assessore allo Sport, Petruzzelli: "Questa amministrazione è in corto circuito - afferma Filippo Melchiorre (Fd'I) -. L'atteggiamento di ieri della maggioranza nei suoi confronti avrebbe dovuto sfociare nelle sue dimissioni. Il mio consiglio è di prendersi un limone e di riflettere" mostrando il frutto giallo da lui posizionato sul tavolo. Critico anche Di Paola (Impegno Civile): "Quanto avvenuto conterrà i semi del disastro se non si cambia strada. IL comune non sa cosa farne di un asset come lo stadio. A meno che non vi sia un'ipotesi di riutilizzo sostenibile, sarebbe meglio un giardino, anziché un rudere

Il succo della polemica riguarda la presunta inagibilità dello stadio a causa di una certificazione statica che, per il centrodestra, mancherebbe. Di tutt'altro avviso il Comune che sottolinea come non vi sia assolutamente alcun rischio per la gara tra Italia e Francia del 1° settembre. Lo stadio ha infatti ricevuto l'omologazione, a giugno scorso, da parte della Lega di Serie B, a seguito delle periodiche verifiche annuali avvenute a marzo. Il sì mette al sicuro il San Nicola per le amichevoli, poi per le gare ufficiali internazionali servirebbero lavori ai seggiolini e alla copertura, ma si tratta di un altro discorso. Sempre sulla vicenda delibera, l'assessore allo Sport, Pietro Petruzzelli ribatte anche alle polemiche sulla mancanza di una quantificazione temporale della concessione, nonostante sia noto da tempo che potrebbe essere almeno quinquennale: "Ci sarà un'altra delibera in Consiglio - afferma - che avrà i dettagli dell'avviso, con l'indicazione di un numero di dettagli, i paletti da porre al gestore e l'elenco degli interventi manutentivi. Tutto ciò rappresenterà i requisiti del futuro bando.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento