Cronaca

Stadio San Nicola, due possibili alternative per sostituire i 'petali' rovinati. Nuovi seggiolini in arrivo in tutti i settori

Nel piano di manutenzione straordinaria approvato dalla Giunta si parla di membrane in fibra di vetro o teli in materiale plastico. I 'petali' interessati dagli interventi di manutenzione sono complessivamente 52

Il futuro dello Stadio San Nicola passa da due possibili nuove coperture per la struttura, entrambe inserite nello studio di fattibilità approvato dalla Giunta comunale su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso. La prima contempla l’impiego di teli in materiale plastico del tipo Ptfe composti da membrane traslucide strutturate al loro interno in rete di fibra di vetro per rafforzarne la resistenza alle intemperie meteorologiche e alle diverse temperature, la cui durata è stimata in circa 25, 30 anni, con un costo di 9 milioni e 900mila euro. La seconda alternativa proposta dai tecnici comunali per la manutenzione straordinaria prevede invece una tipologia di teli in materiale plastico del tipo Pvc-Pvdf che ha una minor resistenza all’invecchiamento del precedente per una durata stimata in 10, 15 anni e un costo di 6 milioni e 960mila euro. I teli interessati dagli interventi di manutenzione sono complessivamente 52: 26 petali di copertura dei diversi settori dello stadio e altrettanti più piccoli che fungono da collegamento tra i petali. 

“È una novità nell’ambito del Piano triennale delle opere pubbliche con esecuzione prevista nella modalità di accordo quadro quadriennale che consente la possibilità di procedere per singoli accordi attuativi - commenta Giuseppe Galasso -. Delle due soluzioni è stata scelta quella che garantisce una maggiore durata nel tempo a fronte di materiali più performanti. Questo è un intervento particolarmente atteso dai tifosi, che ovviamente presenta delle difficoltà oggettive. Contiamo di mandare in gara i lavori già il prossimo anno con l’esecuzione del rifacimento dell’intera copertura della struttura nei quattro anni previsti dall’accordo quadro. Stabiliremo anche le aree su cui intervenire in maniera progressiva per restituire al San Nicola la sua configurazione architettonica originaria e, al contempo, assicurare maggior comfort ai tifosi. Nell’accordo rientrano anche diversi lavori complementari relativi alla manutenzione delle strutture metalliche a supporto dei teli e di tutta la componentistica necessaria a tenere i teli in tensione e renderli funzionali”. 

“Stiamo lavorando da anni per riqualificare nel suo insieme lo stadio San Nicola, che da tempo necessitava di interventi consistenti e diffusi - continua l’assessore allo Sport Pietro Petruzzelli -. Dopo la sostituzione dei seggiolini nelle due tribune, intervento che intendiamo estendere a tutti i settori il più rapidamente possibile, quindi già nel corso di questa stagione calcistica, con questo progetto affrontiamo il problema forse più sentito dal pubblico”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stadio San Nicola, due possibili alternative per sostituire i 'petali' rovinati. Nuovi seggiolini in arrivo in tutti i settori

BariToday è in caricamento