Stadio San Nicola nel degrado, sopralluogo di Carrieri e Mangano: "Impianto non pronto"

Visita dei consiglieri comunali delle opposizioni (Impegno Civile e M5S): "Strutture in cemento e coperture danneggiate dall'usura del tempo e dalla poca manutenzione"

"La sensazione è che da molti anni non venga fatta la manutenzione straordinaria delle strutture in cemento armato, delle coperture in teflon, degli impianti idrici e termici, dei tabelloni luminosi, del verde; mentre la manutenzione ordinaria è stata limitata al terreno di gioco e all'impianto di illuminazione". Il "degrado" dello Stadio San Nicola è stato documentato nel corso di un sopralluogo dei consiglieri comunali Giuseppe Carrieri (Impegno Civile) e Sabino Mangano (Movimento 5 Stelle), effettuato ieri. Gli esponenti politici denunciano la situazione a qualche settimana da Italia-Francia, amichevole in programma il 1° settembre proprio Bari: "Il Comune di Bari - prosegue Carrieri - si espone peraltro a una magra figura nei confronti di tutti coloro i quali saranno interessati al prossimo evento internazionale, per il quale lo stadio non è pronto. Basterebbe fare una visita allo spogliatoi della squadra ospite".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla vicenda è intervenuta anche la consigliera comunale Irma Melini (ScelgoBari): "E' evidente che la manutenzione straordinaria, prima a rimborso del Comune poi completamente in capo al concessionario, non poteva essere un optional, ma sarebbe dovuta essere programmata e verificata almeno per quanto attiene alle opere fondamentali come la messa in sicurezza dell'intera struttura. Sintomatico è che al mancato funzionamento dell'impianto audio si sia proceduto non ad un suo rifacimento, ma all'utilizzo di un impianto di casse 'in campo'; oppure che non si sia provveduto alla sostituzione delle telecamere rotte, quindi all'ammodernamento dell'impianto di video sorveglianza. Esempi utili - conclude Melini - a comprendere che una concessione annuale, senza futuro certo, poco possa portare ad investimenti economicamente rilevanti su una proprietà altrui".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

  • Incendio a Valenzano: fiamme nelle vicinanze delle palazzine, avvertite anche delle esplosioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento