Bari punta sempre più sull'artigianato 3D: l'open lab di 'Apulia Makers'

Inaugurato uno spazio finanziato con il Bando Nidi della Regione Puglia. Tre giovani del Barese hanno investito su un settore in forte espansione: "Contenitore aperto dove poter progettare e creare. Vogliamo rivoluzionare il settore trasformando i consumatori in creatori attivi"

Bari abbraccia sempre di più la filosofia dei 'creatori' e anche le start-up percorrono la strada delle realizzazioni in digitale, settore dalle ampie prospettive future: in questo senso si moltiplicano le iniziative di giovani che vogliono investire fondando una propria impresa. In città è così dunque nato un luogo che non è un semplice 'centro stampa' ma un vero e proprio open lab per la fabbricazione digitale dove apprendere, sperimentare e creare attraverso stampanti 3d e di ultimissima generazione. Il progetto 'Apulia Makers 3D', realizzato grazie al Bando Regionale Nidi, è frutto della visione di tre ragazzi del Barese, laureati e studenti in ingegneria e architettura, affascinati dall'artigianato del nuovo millennio

"L'idea - spiega Giuseppe Buonamassa, 30enne fondatore della start-up assieme ad Antonio Cassano e Giuseppe Scaltrito - è nata dopo aver comprato una stampante poi costruita a noi bullone su bullone. Abbiamo percepito le potenzialità di questo strumento e deciso di avviare un'attività che possa essere da supporto per professionisti e nostri coetanei, creando un contenitore del genere senza andare via dalla nostra città". L'open lab, aperto in via De Ruggiero, nel quartiere San Pasquale, è a due passi da Campus Universitario, Accademia delle Belle Arti e diverse scuole superiori, posizione strategica per coinvolgere studenti e docenti, potendo contare, in circa 100 mq, di 7 stampanti di ultima generazione. L'innovazione sta nel poter usufruire pagando un piccolo abbonamento, dei macchinari, chiedendo consulenza ma anche offrendo la propria esperienza agli altri. La start-up, nata in primavera, è arrivata in 6 mesi all'inaugurazione ufficiale

"Ci rivolgiamo sia al pubblico che al privato - dice Buonamassa - anche perché si tratta di una cultura sempre più diffusa. Noi vorremmo incrementarla attraverso workshop e seminari. In questi primi giorni ci hanno già commissionato numerosi progetti per componentistica e bioarchitettonica, prototitpistica e plastici d'ingegneria", anche se on mancano giocattoli, squali e personaggi di Star Wars. Un centro all'avanguardia nel Sud ma anche rispetto al resto d'Italia: "Esistono situazioni simili -dice Buonamassa - a Torino e MIlano, ma non con lo stesso spirito 'open' a cui noi ci siamo ispirati. Vogliamo in un certo senso rivoluzionare l'artigianato trasformando i consumatori in creatori attivi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

  • Vento forte e temporali in arrivo nel Barese: scatta l'allerta meteo arancione

  • Contagi dopo festa di 18 anni, chiude scuola ad Altamura: "Inconcepibili party per ballare"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento