menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tragedia di Modugno, domenica la marcia silenziosa in ricordo delle vittime

Il corteo si muoverà alle 20.30 da piazza De Nicola per concludersi in piazza Sedile, per "riportare simbolicamente le vittime in seno alla città"

Si terrà domenica, 2 agosto, la marcia silenziosa organizzata dall'amministrazione comunale di Modugno per ricordare le dieci vittime dell'esplosione della fabbrica di fuochi pirotecnici Bruscella.

LA MARCIA - La manifestazione pubblica avrà inizio con un raduno, alle ore 20.30, in Piazza De Nicola (nei pressi di via Bitritto), dal quale si metterà in movimento un corteo civico che attraverserà le principali vie cittadine e si concluderà nella centrale Piazza sedile. Il sindaco Magrone: "Abbiamo voluto intitolare Restate con noi la manifestazione di domenica sera perché una marcia silenziosa che si snodi per le vie cittadine e si concluda nel cuore del paese si rivolge simbolicamente alle vittime dell'esplosione, dicendo loro vi riportiamo in seno alla città".

LA RACCOLTA FONDI PER LE FAMIGLIE DELLE VITTIME

LE AUTOPSIE - Intanto proseguono in questi giorni gli accertamenti medico-legali sui corpi delle vittime.  Ieri il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, ha spiegato che le salme non saranno restituite alle famiglie prima di una settimana o anche dieci giorni, perchè sarà necessario gli esiti degli esami genetici che dovranno dare certezza sull'identità di tutte le vittime, per alcune delle quali è stato possibile solo un riconoscimento indiretto, attraverso indumenti o altri effetti personali recuperati.

IL CORDOGLIO DEL CONSIGLIO REGIONALE - Non si fermano neppure le manifestazioni di solidarietà e cordoglio nei confronti delle vittime della strage e delle loro famiglie. Questa mattina, il Consiglio regionale della Puglia ha ricordato le vittime attraverso le parole del suo presidente, Mario Loizzo: "Oggi, doverosamente e dolorosamente - ha detto Loizzo - il Consiglio regionale ricorda le dieci vittime di Modugno, ma siamo stanchi di piangere morti bianche, di confortare congiunti inconsolabili. Il diritto all’occupazione non va pagato a costo della vita e un’azienda non deve trasformarsi in una fabbrica di morte. Non si deve morire di lavoro, in Puglia né altrove. La sicurezza sul posto di lavoro resta una priorità: le Istituzioni hanno il dovere di farla rispettare, con la forza della legge. Il Consiglio regionale rinnova il cordoglio ai familiari e con la propria, sentita, partecipazione condivide i sentimenti di tutto il Paese, per una tragedia che ha colpito tanti lavoratori, ha distrutto un’azienda, ha ferito una Città e scosso l’intera Puglia".

IL CORDOGLIO DEGLI AMBULANTI DI MODUGNO - Questa mattina, a distanza di una settimana esatta dalla tragedia, gli ambulanti del mercato di Modugno, tra i primi ad intervenire sul luogo della tragedia, hanno NastroLuttoUnimpresaBat-2anche voluto esprimere, facendolo tramite la voce della proprie Associazioni di Categoria, il cordoglio profondo alla cittadinanza intera di Modugno, soprattutto alle famiglie delle vittime e verso il Sindaco dott. Magrone quale Primo Cittadino. A proposito del messaggio di cordoglio è stato il Presidente di A.N.V.A.-Confesercenti prov.,le  Bari, Giuseppe Rinaldi, a dire: “gli ambulanti sono stati i primi testimoni del dramma e questa  esperienza mai sarà dimenticata e rimarrà nei nostri cuori per sempre. Esprimo vicinanza alla cittadinanza di Modugno”. Anche Onofrio Ciancialuso della Cisl-Aree Pubbliche ha detto: “parteciperemo solidali ai funerali delle vittime e lo faremo con la sensibilità e con il senso di appartenenza e di compartecipazione che il caso richiede. Al Sindaco Magrone il mio personale cordoglio e quello della Categoria”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento