Cronaca Altamura

Strage di Altamura, inizia il processo: Comune e Regione si costituiscono parte civile

E' iniziato il procedimento nei confronti dei presunti mandanti ed esecutori dell'attentato alla sala giochi Green Table, a seguito della quale perse la vita il 27enne Domenico Martimucci

E' iniziato in Corte di Assise a Bari il processo per la strage commessa ad Altamura il 5 marzo 2015, dove una bomba piazzata all'esterno di una sala giochi causò il ferimento di otto persone, tra cui quello gravissimo di Domenico Martimucci, 27enne poi deceduto in ospedale dopo 5 mesi di coma.

Il Comune di Altamura, la Regione Puglia, le vittime e i familiari si sono costituiti come parti civili nel procedimento per cui sono imputati con i reati di "strage aggravata dal metodo mafioso, omicidio volontario, sette tentati omicidi, porto e detenzione di esplosivi", Mario Dambrosio, fratello del defunto boss Bartolo, ritenuto il mandante dell’attentato, e il 21enne incensurato Luciano Forte, che – secondo quanto accertato nel corso delle indagini – accompagnò il sicario sul luogo della strage.

Con le medesime accuse verrà processato mediante rito abbreviato il 25enne Savino Berardi, accusato di ave posizionato materialmente l’ordigno all'esterno della sala giochi, e il 37enne Nicola Centonze, imputato per spaccio di droga. La prossima udienza del processo è fissata per il 28 gennaio 2016.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di Altamura, inizia il processo: Comune e Regione si costituiscono parte civile

BariToday è in caricamento