menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Fb Astip

Foto Fb Astip

Strage treni Andria-Corato, la protesta dei familiari: "La Regione tolga la concessione a Ferrotramviaria"

Sit-in in piazza Moro a 18 mesi dal disastro ferroviario in cui morirono 23 persone. I parenti: la Regione tuteli i cittadini

A 18 mesi dalla strage sulla tratta ferroviaria Andria-Corato, costata la vita a 23 persone, i parenti delle vittime tornano a manifestare per "chiedere giustizia".

Alcuni dei familiari, riuniti nell'Astip' (Associazione strage treni in Puglia 12 luglio 2016), hanno dato vita questa mattina ad un sit-in che dalla sede del Consiglio regionale si è poi spostato in piazza Moro, davanti gli uffici della società di trasporto ferroviario. Indossando le magliette con i volti dei propri cari che non ci sono più, con manifesti e striscioni, i parenti delle vittime hanno rivolto il loro appello alla Regione Puglia, invitandola a "tutelare i cittadini" e a revocare la concessione a Ferrotramviaria, accusata di aver causato le morti del disastro ferroviario del 12 luglio. "E' assurdo che una Regione deroghi una concessione ad un'azienda comunque sotto inchiesta, con i vertici indagati, nonostante i 23 morti e 50 feriti", ha affermato, intervistata da StudioAperto, Daniela Castellano, portavoce dell'associazione Astip e figlia di Enrico, una delle vittima della tragedia del 12 luglio 2016.

Nell'inchiesta della Procura di Trani, giunta a conclusione nelle scorse settimane, risultano 19 indagati, tra cui anche gli allora vertici di Ferrotramviaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento