Cronaca

Strage di via D'Amelio, Bari ricorda Paolo Borsellino e la sua scorta

Anche a Bari le iniziative per ricordare il ventennale della strage di mafia in cui persero la vita il giudice Borsellino e i cinque agenti Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina

Anche la città di Bari ricorda con una serie di iniziative il ventesimo anniversario della strage di via D’Amelio, in cui persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti della Polizia di Stato Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

La giornata di commemorazione si aprirà con la cerimonia di deposizione di una corona d'alloro che avrà luogo alle ore 9.30, in via Borsellino e Falcone, alla presenza del sindaco Michele Emiliano.

L’Agenzia per la lotta non repressiva alla criminalità organizzata del Comune di Bari, con il supporto degli assessorati comunali all’Ambiente e alle Politiche giovanili, in collaborazione con l’associazione Garden Faber e la Scuola secondaria di I grado Carlo Levi di Bari e con il patrocinio di Libera Puglia, ha organizzato l’iniziativa “Il fresco profumo di libertà”, che si terrà alle ore 11, nello spiazzo antistante la scuola Levi, in via Babudri 5. Per l’occasione studenti, docenti, cittadini e rappresentanti delle Istituzioni daranno vita al giardino “19 luglio” composto da piante tipiche della Sicilia e dedicato alla memoria di Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

“Il fresco profumo di libertà” riprende una celebre frase di Paolo Borsellino: “La lotta alla mafia, il primo problema da risolvere nella nostra terra bellissima e disgraziata, non deve essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale che coinvolgesse tutti e specialmente le giovani generazioni, le più adatte a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell'indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di via D'Amelio, Bari ricorda Paolo Borsellino e la sua scorta

BariToday è in caricamento