"600 studenti senza alloggio", all'Università la protesta di Link: "Stanchi dei continui definanziamenti"

L'iniziativa del sindacato studentesco dopo la pubblicazione delle graduatorie definitive: "Molte matricole dello scorso anno non hanno ancora ricevuto la borsa di studio, quelle di quest'anno rischiano di non avere un posto letto"

Uno degli striscioni affissi per protesta

"A Bari numerosi studenti aspettano la borsa di studio dello scorso anno accademico, e inoltre circa 600 studenti e studentesse sono rimasti senza posto letto, rischiando di non frequentare più le lezioni, di non vivere l'Università, se non di lasciare gli studi".

A denunciare la situazione è il sindacato studentesco Link, che questa mattina ha promosso un'iniziativa di protesta all'Università con striscioni e incontri.

"In seguito alla pubblicazione delle graduatorie definitive - spiegano i ragazzi di Link - abbiamo constatato che circa 600 studenti e studentesse del primo anno sono rimasti senza posto letto".

"Tutti questi studenti dovranno presentarsi entro il 10 Novembre in Adisu per presentare un contratto di locazione - afferma Piercarlo Melchiorre, coordinatore di Link Bari - dopo che il 27 Ottobre hanno scoperto di non aver letto in cui dormire: una situazione di disagio che mette in crisi centinaia di famiglie. Per non parlare del caro prezzo delle case in una città come Bari e di come il rimborso di 1800 euro per l'affitto non riesca -li dove ci sia la copertura totale- a coprire neanche tutte le spese degli studenti e delle studentesse fuorisede."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua: "Molte matricole dello scorso anno non hanno ancora ricevuto la borsa di studio, quelle di quest'anno rischiano di non avere un posto letto, di non frequentare le lezioni e di vivere l'Università solo ed esclusivamente come un esamificio. Per tutte queste motivazioni lanciamo martedì 31 ottobre una giornata di mobilitazione: in occasione della proposta e discussione della Legge di Stabilità, saremo presenti nei Dipartimenti degli Atenei baresi con volantinaggi e speaker corner per confrontarci insieme a tutte le studentesse e tutti gli studenti su quelli che sono i nostri bisogni e portare presso gli Organi competenti le richieste di tutte e tutti, a partire dalla copertura totale delle borse di studio e dalla grave mancanze di posti letto."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

  • Incendio a Valenzano: fiamme nelle vicinanze delle palazzine, avvertite anche delle esplosioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento