Cronaca

Studenti universitari, un incontro per discutere della questione alloggi

Due le proposte al centro dell'incontro tenutosi ieri presso la sede dell'Adisu: un piano di ampliamento degli alloggi destinati agli studenti fuorisede e l'avvio dello Sportello Casa

Un tavolo tecnico per discutere della questione degli alloggi per gli studenti, alla presenza dei rappresentanti degli universitari, dell'assessore comunale Gianni Giannini, e del Direttore dell'ADISU Puglia Avv. Ettore Sbarra. Il dibattito, avvenuto ieri presso la sede dell'Agenzia per il diritto allo studio universitario, rientra nelle serie di incontri tra studenti e istituzioni organizzati per discutere di quattro macro temi relativi alla condizione degli  universitari nella città di Bari: alloggi, spazi, convenzioni/comunicazione, trasporti.

Come si legge in un comunicato del sindacato studentesco Link, al centro del dibattito c'è stato innanzitutto il progetto, presentato dal Direttore dell'ADISU Puglia, di ampliamento degli alloggi universitari, da realizzare nel corso dei prossimi anni. Gli interventi previsti riguardano la ristrutturazione della struttura Fracacreta e tutto l'iter inerente alla questione dei finanziamenti (che dovrebbe permettere di rendere agibile la struttura entro il 2012) e la costruzione di una struttura nei pressi del quartiere Mungivacca entro il 2013 che vedrà la presenza di circa 400 posti letto.

La proposta è stata con accolta positivamente dai rappresentanti degli studenti, i quali nel corso dell'incontro hanno rilanciato la proposta di attuazione dello Sportello Casa. Il progetto, da tempo sostenuto dagli universitari, permetterebbe di arginare il fenomeno degli affitti in nero, problema di recente tornato all'attenzione pubblica con la questione degli universitari multati dalla Guardia di Finanza per non aver risposto al questionario sugli affitti.

L'idea dello Sportello Casa ha finalmente incassato il sì dell'Adisu, che si è detta disponibile ad adibire due gabbiotti interni alla sede ADISU a punto di riferimento per lo studente in cerca di alloggio. A questo proposito gli studenti hanno ribadito la necessità di un lavoro di concerto tra l'ADISU e gli atenei baresi (UNIBA e POLIBA), con l'apertura all'interno delle strutture universitarie di sportelli supplementari che sarebbero più facilmente accessibili da parte degli studenti.

Il lavoro all'interno di questi sportelli, secondo la proposta avanzata da Link, potrebbe essere affidato agli studenti che richiedono di usufruire del “part-time” oppure a studenti tirocinanti, scelti in base a specifiche competenze. Tra le funzioni dello Sportello Casa, essenziale sarebbe il lavoro di informazione e sensibilizzazione su tutta una serie di agevolazioni e vantaggi garantiti da un contratto regolare sia allo studente che al proprietario dell'abitazione.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti universitari, un incontro per discutere della questione alloggi

BariToday è in caricamento