menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Policlinico, si suicida un medico del reparto di Neurochirurgia

Giuseppe Occhiogrosso, medico ricercatore in servizio nella clinica di neurochirurgia, si è tolto la vita martedì sera. Il suo suicidio segue di pochi giorni quello del manager della sanità Service di Bari Massimo Novelli, sul quale indaga la Procura di Taranto

Si è tolto la vita martedì sera a casa dei suoi genitori Giuseppe Occhiogrosso, medico del Policlinico di Bari. Occhiogrosso, 38 anni, separato con due figli, lavorava presso la clinica di Neurochirurgia e qualche mese fa era rimasto coinvolto in un'inchiesta della Procura di Bari su presunti casi di malasanità in sala operatoria e mobbing ai danni di specializzandi, nell'ambito della quale erano stati arrestati due medici del reparto. Anche per Occhiogrosso era stato chiesto l'arresto, poi negato dal gip.

Il suo gesto estremo potrebbe quindi essere legato a questo episodio, che aveva segnato molto il giovane medico. Prima di morire Occhiogrosso avrebbe lasciato una lettera alla sua fidanzata nella quale spiegherebbe le ragioni del suo gesto. La notizia della sua morte ha sconvolto colleghi e operatori del Policlinico: solo lunedì sera, infatti, il medico aveva svolto regolarmente il suo turno in reparto, mostrandosi sereno e disponibile come suo solito.

Il suicidio di Occhiogrosso segue di pochi giorni quello (per il momento ancora indicato come un suicidio, ma su cui indaga la Produra di Taranto) di un altro giovane operatore della sanità barese, il manager Massimo Novelli.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento