Cronaca

Suicidio alla Multiservizi, il sindaco sarà ascoltato dal pm

Il sindaco Emiliano e l'ex prefetto Giovanni D'Onofrio, da un anno alla guida della Multiservizi, saranno ascoltati la prossima settimana nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Vincenzo Pavone, l'operaio dell'azienda suicidatosi lo scorso 25 giugno lanciandosi dal balcone di un ufficio comunale

La prossima settimana il sindaco di Bari Emiliano e l'ex prefetto Giovanni D'Onofrio, da un anno amministratore unico della Multiservizi, saranno ascoltati dal pm Angela Maria Morea nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Bari sulla morte di Vincenzo Pavone, il dipendente della Multiservizi suicidatosi lo scorso 25 giugno lanciandosi dal balcone di un ufficio comunale, va avanti. Il fascicolo di indagine per istigazione al suicidio fu aperto alcuni giorni dopo la morte di Pavone, che prima di morire aveva lasciato un biglietto con su scritto "Non ne posso più di questa mafia". Da qui la necessità, sollecitata anche più volte dallo stesso sindaco, di indagare sull'ambiente intreno della Multiservizi, commissariata un anno fa da Emiliano proprio per la presunta presenza di infiltrazioni mafiose.

Nell'ipotesi che Pavone possa essere eventualmente stato spinto al suicidio, gli investigatori continuano a sentire amici e parenti dell'operaio. Pochi giorni la sua morte, era stata una stessa parente dell'uomo a far riferimento, intervendo sulla pagina Facebook del sindaco, a un certo tipo di "pressioni" che Pavone avrebbe dovuto subire nell'ambiente lavorativo.

Resta intanto in piedi il giallo sul messaggio lasciato dall'uomo. I bigliettini ritrovati sarebbero in realtà due, scritti con calligrafie diverse ed entrambi attribuili a Pavone, in un dei quali era riportato appunto il riferimento alla "mafia" presente all'interno dell'azienda. Gli inquirenti hanno disposto una perizia calligrafica, il cui esito arriverà dopo l'estate.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suicidio alla Multiservizi, il sindaco sarà ascoltato dal pm

BariToday è in caricamento