Il Summer Village va a Punta Perotti. Emiliano: "A breve chiudiamo il Lungomare"

Annunciata ma non ancora fissata l'interdizione al traffico tra il Fortino e il Porto. Il palco dei festival spostato verso sud. Più intercultura, meno eventi. Scontenti i ristoratori di Bari Vecchia

"Non è obbligatoria la chiusura del Lungomare. A breve però cominceremo perchè negli anni scorsi ne abbiamo avuto beneficio. La stragrande maggioranza dei cittadini gradisce questa disposizione. E' prioritario il diritto di passeggiare rispetto a quello della circolazione delle auto”. Il sindaco Michele Emiliano non fornisce date ma annuncia l'intenzione del Comune di chiudere al traffico anche per quest'estate il tratto compreso tra il Fortino Sant'Antonio e il Porto. Una decisione che se da un lato può favorire una migliore fruizione della passeggiata sul mare, dall'altro scontenterà gli esercenti della città vecchia, già sul piede di guerra,  perchè è abbinata alla novità dello spostamento del Summer Village a Punta Perotti. Il rischio è quello di vedere meno gente passeggiare e cenare nel Borgo Antico, a vantaggio di altre zone della città.

Il contenitore di eventi e festival che l'anno scorso aveva riempito la zona antistante Santa Scolastica verrà trasferito sul Lungomare Sud e sarà ridotto rispetto al passato, come annunciato in conferenza stampa al Comune. In calendario sono state inserite, fino a questo momento, tre rassegne, ovvero l'Acqua in Testa, Bari in Jazz e la Festa dei Popoli, per un programma gratuito che copre solo il mese di giugno: "Con il minimo investimento possibile - ha spiegato il sindaco -  e grazie all'impegno degli organizzatori riusciamo a garantire questi eventi. La cultura è fare con armonia, coerenza, trasmettendo un'idea che la città vuole rappresentare, senza strafare. Bari è un luogo dove si convive pacificamente tra culture differenti".  

Dello stesso avviso anche l'assessore comunale al Marketing, Gianluca Paparesta: "L'anno scorso - afferma - , al contrario di quanto sostenuto, il Summer Village ha avuto un ottimo successo. Quest'anno viene confermato con tre dei festival più significativi della nostra città. Abbiamo voluto mettere tutto insieme in un'unica location decidendo di spostare il tutto a Punta Perotti, tra il parco e la ferrovia. E' uno spazio per far vivere alla città alcuni eventi in maniera piacevole e serena e non avere problemi di parcheggio”. Sul palco si alterneranno grandi nomi del jazz dell'alternative e della world music.

Il Summer Village è stato reso possibile grazie all'impegno della Bass Culture Srl e di Abusuan in collaborazione col Progetto Finis Terrae e rientra nella rete dei Fstival sostenuti da Puglia Sounds. Sostegno all'iniziativa anche da parte della Provincia, come ha annunciato il vicepresidente Nuccio Altieri: "Il Comune - spiega -  ha candidato il festival al bando dei Grandi Eventi del Costa dei Trulli Tour. La Provincia dovrebbe sostenere il progetto in maniera convinta per rivalutare il lungomare Sud poichè merita un intervento vero". Sul fronte delle spiagge baresi, la Provincia ha in mente di investire risorse: "Delibereremo - rivela Altieri - un sostegno di 150mila euro per la pulizia straordinaria di Pane e Pomodoro e Torre Quetta.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

  • Sete da cammello e notte insonne dopo aver mangiato la pizza: perchè succede?

  • Traffico di droga, blitz della polizia: smantellata organizzazione transnazionale italo-albanese

  • Pos obbligatorio dal 2020 per tutti i commercianti italiani: come e quando munirsi per i pagamenti

Torna su
BariToday è in caricamento