Sant'Anna, i residenti si autotassano per tagliare le erbacce in strada: "Serve più attenzione nel quartiere"

L'iniziativa realizzata dal comitato Sant'Anna 2. Raccolti circa 1200 euro per sistemare nove strade

Una delle strade prima e dopo l'intervento

Nessuno si occupa da anni di tagliare le erbacce ai lati delle strade del quartiere e i residenti si autotassano per farle tagliare. E non solo: coprono anche le buche sul pavimento. Succede nel quartiere Sant'Anna di Bari, dove i cittadini del secondo comparto hanno voluto lanciare un segnale forte all'amministrazione comunale e al Consorzio che gestisce le aree. 

IMG-20190613-WA0029-2

Un quartiere in continua crescita, che ha tutte le carte in regola per trasformarsi in un'area residenziale di grande appetibilità, ma che ancora soffre per la mancanza di interventi basilari di manutenzione. Come appunto la potatura delle erbacce, incompiuta da anni con il conseguente scaricabarile delle responsabilità tra Comune e Consorzio. “Su iniziativa di un gruppo di cittadini – spiegano Giovanni Licciardello e Michele de Benedectis, due dei promotori del locale comitato Sant'Anna 2 – abbiamo messo una piccola cifra a testa per far eseguire lo sfalcio sulle strade principali e quelle di collegamento del comparto”.

IMG-20190613-WA0038-2

Una spesa totale di 1500 euro per ridare dignità a via Fratelli Prayer, via Germania, via Svezia, via Spagna, via Belgio, via Appia, via Danimarca e via Francia. Non strade secondarie del secondo comparto, ma vie principali e di collegamento che costeggiano anche gli appartamenti con tutti i comfort già realizzati o in fase di completamento, tornate alla normalità dopo gli interventi terminati il 12 giugno.

IMG-20190613-WA0035-2

I residenti hanno anche fatto posare un manto di stabilizzato per rendere percorribile alle auto via Svezia, riempiendo così le tante buche presenti sulla strada che ancora deve essere asfaltata, come la maggior parte di quelle del secondo comparto di Sant'Anna. Un sacrificio  a livello economico, che i residenti sperano possa servire a riaccendere i riflettori sulle problematiche del quartiere. “Abbiamo già incontrato nelle scorse settimane – ricorda Stefano Gianfreda, altro componente del comitato – sia il sindaco di Bari, Antonio Decaro, che i responsabili del Consorzio, che si sono mostrati disponibili ad ascoltare le nostre istanze per lo sviluppo dell'area. Speriamo possa essere l’inizio di un dialogo costruttivo”.

Anche perché nel giro di qualche settimana la 'giungla' di erbacce ricrescerà ai bordi delle strade e i residenti sperano di non dover di nuovo mettere mano al portafogli per vederla sparire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Puglia obbligo di quarantena per chi rientra da Malta, Grecia e Spagna

  • Coronavirus, salgono i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 26, undici in provincia di Bari

  • Sei turisti del Lussemburgo in vacanza a Monopoli positivi al covid: il test prima di partire per la Puglia

  • Venti nuovi casi di covid in Puglia, nove nel Barese: "Cittadini rientrati da Grecia, Malta e Lombardia"

  • Lotta al coronavirus, in Puglia torna obbligo mascherine in luoghi aperti affollati e discoteche

  • Ventenne muore dopo un tuffo in piscina: tragedia durante una festa a Polignano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento