"Tamponi a tutti i casi sospetti": Lopalco traccia la via per prevenire una seconda fase del contagio in autunno

Durante un'intervista a un'emittente radiofonica l'epidemiologo ha assicurato che la rete di laboratori pugliesi per i controlli è sufficiente e che sarà ampliata ulteriormente dopo l'estate

"Faremo tamponi a tutti i casi sospetti, anche a quelli che potrebbero essere semplice influenza o simil influenza": l'epidemiologo Pier Luigi Lopalco anticipa quali saranno le mosse della Regione Puglia per contrastare in autunno un'ipotetica seconda ondata di contagi da Covid. Tema dell'intervista rilasciata all'emittente radiofonica 'RadioNorba' è stata la capacità diagnostica regionale.

"La rete di laboratori è sufficiente" ha assicurato capo della task-force pugliese per l'emergenza coronavirus, sia per garantire un numero sufficiente di tamponi, sia per "fare ricerca attiva" di "eventuali nuovi contagi" attraverso il contact tracing. In vista dell'autunno, inoltre, e di una seconda possibile ondata di tamponi, Lopalco ha assicurato che la Puglia "si sta attrezzando per ampliare la sua capacità diagnostica".

Per vedere invece gli effetti delle riaperture di maggio, ha assicurato Lopalco, bisognerà attendere ancora il 15 giugno. "Poi abbiamo un altro passaggio che riguarda la riapertura delle regioni, per quello dobbiamo aspettare un pò di più per capire gli effetti" ha aggiunto durante l'intervista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Puglia in zona gialla per un soffio, c'è l'ordinanza: riaprono fino alle 18 bar e ristoranti

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Un'altra stretta con il nuovo decreto anti Covid: Puglia verso la zona arancione?

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

Torna su
BariToday è in caricamento