Cronaca

Scandalo tangenti al Comune di Modugno: chiesto processo per 27 indagati

La Procura chiede rinvio a giudizio per ex amministratori, funzionari comunali e imprenditori coinvolti nell'inchiesta sulle presunte tangenti incassate in cambio di concessioni edilizie

Sono in tutto 27 gli indagati - tra ex amministratori, funzionari e imprenditori - per i quali la Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte tangenti al Comune di Modugno. Le accuse sono, a vario titolo, di associazione per delinquere, concussione, corruzione, falso, peculato, estorsione, truffa, riciclaggio e lottizzazione abusiva.

A novembre scorso l'inchiesta era sfociata nell'arresto di 12 indagati, tra cui gli ex sindaci Pino Rana e Mimmo Gatti. Secondo quanto ricostruito nelle indagini, le persone coinvolte nello scandalo avrebbero sfruttato la propria posizione di potere per chiedere e ottenere denaro e altre utilità in cambio della concessione di licenze edilizie. L'inchiesta aveva preso avvio dalle dichiarazioni di un imprenditore, presunta vittima di una serie di episodi di concussione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo tangenti al Comune di Modugno: chiesto processo per 27 indagati

BariToday è in caricamento