Tartaruga decapitata viva e gettata in mare, carcassa recuperata a Giovinazzo: "Atto barbaro"

A ritrovarla, i volontari del Centro Recupero Tartarughe marine Wwf Molfetta: "Gli individui che hanno fatto questo dovrebbero comprendere il danno che causano, persino a se stessi, ed il dolore che provocano"

Foto Crt Wwf Molfetta

Prima l'hanno decapitata viva con un coltello, poi hanno brutalizzato la carcassa infilando un ramo nella ferita e successivamente l'hanno abbandonata in mare: la carcassa di una tartaruga è stata recuperata dai volontari del Crt Wwf Molfetta sulla spiaggia di Giovinazzo. Non è ancora chiaro da dove provenga ma è abbastanza visibile il modo barbaro con cui è stata uccisa da ignoti: "Ammazzare crudelmente le tartarughe marine, invece di aiutarle e salvarle, è disumano - affermano dal Crt -  Gli individui che hanno fatto questo ad una tartaruga indifesa dovrebbero comprendere il danno che causano, persino a se stessi, ed il dolore che provocano. È impossibile tollerare certi comportamenti figli dell'ignoranza".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

  • Spostamenti ingiustificati fuori Comune, cibi e bevande consumati nei pressi di bar e locali: controlli anticovid e multe nel Barese 

Torna su
BariToday è in caricamento