rotate-mobile
Cronaca

Tartarughe decapitate rinvenute sul litorale, la Regione Puglia pronta a denunciare: "Atto barbarico"

Lo afferma l'assessore all'Ambiente, Gianni Stea: "Voci di riti messi in atto da pescatori e legati a insopportabili e arcaiche superstizioni? Tutto ciò sarebbe ancor più grave"

La Regione Puglia sporgerà denuncia e chiederà di costituirsi parte lesa se verranno accertati i reati per la vicenda delle tartarughe Caretta Caretta le cui carcasse, decapitate, sono state trovate in queste settimane sul litorale del nord Barese, tra Molfetta, Trani, Giovinazzo e Bari. Ad annunciarlo è l'assessore pugliese all'Ambiente, Gianni Stea: "Si tratta di una specie protetta - afferma - e ad altissimo rischio di estinzione e che ci troviamo davanti a reati penali. Se corrispondono al vero le voci che si tratterebbe di riti messi in atto da pescatori e legati a insopportabili e arcaiche superstizioni sarebbe, se possibile, ancora più grave". L'ultimo ritrovamento è avvenuto ieri, sulla spiaggia di San Girolamo.

"Reati barbari"

“Confido nell’operato delle forze dell’ordine  - aggiunge Stea - e della magistratura affinché si possa fare luce sugli autori di questi barbari reati appellandoni anche alla stragrande maggioranza dei pescatori che affrontano il proprio mestiere con enorme spirito di sacrificio e con grande rispetto per l’ambiente marino, affinché collaborino con le autorità preposte. E annuncio che se il reato sarà accertato e i colpevoli individuati chiederò che la Regione possa costituirsi parte lesa” conclude l'assessore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tartarughe decapitate rinvenute sul litorale, la Regione Puglia pronta a denunciare: "Atto barbarico"

BariToday è in caricamento