Le tartarughe 'tornano' a Parco due Giugno nei laghetti ripuliti: proseguono i lavori per la riapertura

A dare notizie sul cronoprogramma degli interventi è l'assessore Galasso. Dopo le segnalazioni dei cittadini, gli esemplari sono stati dapprima rimossi, poi riposizionati dopo la pulizia delle due vasche

Ripuliti i laghetti che ospitano le tartarughe a Parco due Giugno, a Bari. A darne notizia è l'assessore comunale ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso, nell'ambito dei lavori per il rifacimento dell'impianto di illuminazione, videosorveglianza e irrigazione, dell'area verde in riapertura per metà luglio. "Nei giorni scorsi gli operai della ditta incaricata degli interventi di manutenzione hanno provveduto a svuotare uno dei due bacini - ricorda Galasso - spostando tutte le tartarughe nell'altro per il tempo necessario a ripulire la vasca, per poi effettuare la stessa operazione sull'altro. È accaduto che nel corso delle operazioni qualche esemplare di tartaruga si sia allontanato dal bacino, ma si è trattato di casi isolati, che comunque ho segnalato al’azienda, raccomandandole di prestare la massima attenzione quando nei prossimi giorni procederà a svuotare il secondo laghetto per procedere alla pulizia della vasca".

Per la salvaguardia delle tartarughe acquatiche americane che hanno nidificato a Parco due Giugno, l’amministrazione comunale ha stipulato un accordo di collaborazione con il dipartimento di Medicina veterinaria dell’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari, allo scopo di censire gli esemplari." Il progetto consentirà sia di eseguire gli obblighi di legge, verificando a quali specie e sottospecie gli esemplari appartengano, sia di conoscere lo stato di salute degli animali presenti, operazioni indispensabili per impedirne la moltiplicazione - ricorda l'assessore - Le tartarughe acquatiche americane, infatti, appartengono a una delle specie più invasive (nome scientifico: trachemys scripta), ritenuta dagli studiosi tra le cause della diminuzione degli esemplari della tartaruga palustre europea (n.s: emys orbicularis)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altri interventi in programma

Proseguono le lavorazioni all'interno del parco comunale: al momento tra i viali sono al lavoro anche operai della Bari Multiservizi, impegnati nella riverniciatura di tutte le panchine, sia in muratura sia in legno, oltre alla ditta aggiudicataria dell’accordo quadro per la manutenzione dei giochi presenti nel parco. "Una novità riguarda invece la realizzazione di un’area per lo sgambamento dei cani che sarà allestita tra viale Einaudi e via della Costituente nella prima settimana di luglio grazie all’impegno del consigliere Livio Sisto, che si è fatto portavoce di moltissime richieste pervenute in tal senso dai cittadini" conclude Galasso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento