Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Picone / Piazza Giulio Cesare

A Medicina arriva 'Anatomage': alla scoperta del corpo umano su cadaveri ricostruiti in 3d

La tavola digitale, costata 65mila euro, sarà presentata il prossimo 27 aprile. Loreto Gesualdo: "Acquisteremo simulatori per far impratichire i futuri chirurghi"

La tavola 3d Anatomage (Pagina Fb Anatomage)

Il corpo umano si potrà studiare grazie ad una ricostruzione 3d, che permette di 'dissezionare' virtualmente un cadavere per scoprire i rapporti fra organi, nervi e vasi. Arriva alla Scuola di Medicina di Bari "Anatomage", una tavola digitale sviluppata da un'azienda della Silicon Valley specializzata in innovazione medicale. "Uno strumento che ci permetterà di sviluppare la didattica - racconta il preside della Scuola Loreto Gesualdo- e che presenteremo agli studenti con un corso apposito il prossimo 27 aprile". 

La tavola "Anatomage" - Grazie ad un investimento di 65mila euro i futuri medici e chirurghi avranno così a disposizione uno strumento per approfondire la conoscenza sul corpo umano che andranno ad operare e curare. All'interno di "Anatomage" sono stati scansionati e riprodotti digitalmente in tutti i dettagli alcuni cadaveri conservati con una tecnica speciale: sono stati prima immersi in un gel, poi congelati, infine è stato usato uno scanner 3d per analizzare il corpo dopo essere stato inciso

Una novità accolta positivamente anche dagli studenti. "Finalmente un nuovo modo di fare didattica interattiva e innovativa - spiega Martina Tarantini, senatrice di 'Studenti Per' -. Uno strumento che pochi altri possono vantare a nostra disposizione per imparare l'anatomia e l'approccio chirurgico ma soprattutto Quello che è spesso impossibile vedere su i nostri libri".                        

L'obiettivo di Loreto Gesualdo è però continuare ad investire sulla formazione dei ragazzi attraverso la tecnologia. "L'ideale sarebbe acquistare un nuovo prodotto ogni anno - spiega -. I prossimi device di cui vorrei dotare la scuola sono simulatori e navigatori. I simulatori permetteranno ai futuri chirurghi di impratichirsi in diverse operazioni, come la chiusura di un vaso sanguigno e la gestione di una sutura, e di eseguire biopsie. Il navigatore invece permette di simulare un intervento chirurgico". 

Gli altri progetti - "Anatomage" è quindi solo il primo passo della svolta hi tech della Scuola di Medicina. La didattica, nei piani del Dipartimento, sarà sempre più multimediale. "Abbiamo bisogno di un rinnovamento tecnologico - prosegue Gesualdo - per questo vorremmo aggiornare le aule con strumentazioni che sfruttino sempre meglio il mondo digitale. Spero che l'avvio del training con 'Anatomage' possa inaugurare una nuova era tecnologica a Medicina". 

L'Università, come ci spiega il dottor Gesualdo, ha anche avuto un primo parere positivo del Ministero degli Esteri su un progetto per lo sviluppo di un navigatore endoscopico con l'azienda Mermec di Monopoli. "Quando avremo l'approvazione definitiva - conclude Gesualdo - partiremo con la realizzazione di questo progetto, che sarà sicuramente all'avanguardia e porterà il nome della Puglia in tutto il mondo"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Medicina arriva 'Anatomage': alla scoperta del corpo umano su cadaveri ricostruiti in 3d

BariToday è in caricamento