menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Telecardiologia, Emiliano: "Avviare nuovo servizio era necessario"

Il presidente della Regione, in conferenza stampa insieme al dg del Policlinico Dattoli, traccia un bilancio del primo mese di attività del servizio, passato dalla gestione privata al pubblico, su cui sono in corso tuttavia indagini della Procura. Ma il governatore difende il nuovo sistema: "Il vecchio era inappropriato e molto costoso"

Oltre 10mila casi trattati in un mese per il nuovo servizio di Telecardiologia coordinato dal Policlinico di Bari e partito lo scorso 1° ottobre. I risultati del primo mese di attività sono stati presentati questa mattina in conferenza stampa dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e dal direttore generale dell'azienda ospedaliera, Vitangelo Dattoli.

L'avvio del nuovo sistema, passato dalla gestione privata a quella pubblica, è stato accompagnato però da numerose polemiche e denunce sulla stampa relative alla sua presunta inefficienza, su cui sono in corso anche accertamenti da parte della Procura di Bari, che indaga sia sul vecchio che sul nuovo servizio.

"Ci sono una serie di vicende che saranno oggetto di procedimento, ma nessuna delle motivazioni era valida per rimanere con il vecchio procedimento. Era assolutamente necessario passare al nuovo sistema", ha commentato a questo proposito Emiliano in conferenza stampa. "Il vecchio sistema - ha detto ancora Emiliano - per una serie di ragioni, era illegittimo, per legge (in quanto privato, mentre dal 2014 una legge prevede che la gestione sia pubblica, ndr), probabilmente era molto pericoloso e anche molto costoso perchè aveva un livello di inappropriatezza molto elevato". Inoltre, ha aggiunto il governatore, "costerà 640 mila euro contro i circa 2 milioni e 300 mila euro di quello precedente". "Garantisco - ha concluso Emiliano - che questa storia l'ho guardata da ogni angolazione possibile: era assolutamente necessario passare al nuovo sistema. E su questo mi prendo la responsabilità nonostante non abbia partecipato a nessuna delle fasi con cui questo sistema è stato assemblato".

“La Puglia - ha ricordato Emiliano - oggi può dire oggi di essere l’unica regione italiana ad avere un sistema di questo livello e di questa qualità. Un sistema di Telecardiologia apprezzato anche a livello europeo che ci dimostra come si può utilizzare bene il denaro pubblico per far funzionare meglio la sanità

Obiettivo del servizio di Telecardiologia è garantire una diagnosi - e quindi un intervento più tempestivo - nell'eventualità di un attacco cardiaco, eseguendo l'elettrocardiogramma a bordo delle ambulanze del 118, con i risultati dei tracciati trasmessi in tempo reale via telefono ad una centrale specialistica. Il vecchio sistema, 'Cardio on line', usava la tecnologia in analogico (cioè la linea telefonica), mentre l'attuale, 'Helis', utilizza tablet dotati di connessione ad internet per l'invio dell'elettrocardiogramma e la ricezione dei referti.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento