Tentano di rubare auto per strada, scatta l'inseguimento: catturato 40enne, si cercano due complici

L'episodio si è verificato in via Colannino ad Acquaviva delle Fonti. La fuga è terminata sulla strada provinciale 205: in manette è finito un uomo originario di Bitonto

Immagine di repertorio

E' stato sorpreso dai Carabinieri mentre, con altri complici, cercava di rubare un'auto per strada ad Acquaviva delle Fonti: in manette è finito un 40enne originario di Bitonto. L'uomo è stato individuato in via Colannino accanto a un furgone bianco mentre, probabilmente, agiva da palo per avvertire gli altri due ladri che, in quel momento, tentavano di aprire l'utilitaria. Il 40enne è così salito sul furgone per poi avviarlo e tentare la fuga in direzione della Sp 205.

I militari hanno individuato il mezzo, dopo un inseguimento, poiché aveva una targa alterata con nastro adesivo nero. Una pattuglia allertata dai colleghi ha così intercettato e bloccato il furgone. All'interno vi era una batteria per avviamento dei motori di auto. Il 40enne è stato arrestato. In corso le ricerche per individuare i due complici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Giovane assalita da gruppetto di ragazze per le strade dell'Umbertino: "Erano quindici contro una"

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

Torna su
BariToday è in caricamento