menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marchio Dop per il fiorone di Terlizzi, il Comune punta alla certificazione

Avviato dalla giunta l'iter per ottenere la 'Denominazione di Origine protetta' per la varietà 'Domenico Tauro', tipica della produzione locale

Certificazione 'Dop' per il 'Domenico Tauro', il fiorone di Terlizzi. Questo l'obiettivo della giunta comunale, che ha avviato l'iter per il riconoscimento della 'Denominazione di Origine Protetta', stanziando diecimila euro "per salvaguardare gli aspetti di originalità e patrimonialità della coltivazione locale del fico-fiorone, e in particolare della varietà 'Tauro', selezionata alla fine del ‘700 dal sindaco Domenico Tauro, da cui prende il nome.

“La certificazione DOP viene attribuita dall'Unione europea agli alimenti le cui peculiari caratteristiche qualitative dipendono dal territorio in cui sono stati prodotti. Si tratta, quindi, di una sorta di tutela giuridica del prodotto ma è anche una certificazione dello stesso, a cui il consumatore automaticamente associa una garanzia di affidabilità maggiore- ha spiegato il Sindaco, Ninni Gemmato, che ha continuato- Il fico-fiorone detto ‘Domenico Tauro’ o ‘Nero di Terlizzi’, frutto della combinazione unica di fattori umani ed ambientali caratteristici del nostro territorio comunale, ha tutte le carte in regola per divenire prodotto DOP, dal momento che le sue peculiari caratteristiche qualitative sono strettamente interdipendenti dalla zona geografica in cui tutto il processo produttivo avviene. In quest’ottica, attivare l’iter tecnico per il riconoscimento della Denominazione ci pare atto dovuto”.

Soddisfazione espressa anche dall’Assessore alle Attività Produttive, Raffaele Cataldi che ha illustrato: “La coltivazione del “mangh? t?ur?” assume rilevante importanza in termini di valore non solo da un punto di vista economico ma anche storico sul territorio comunale. Le caratteristiche morfo – fisiologiche nonché le proprietà organolettiche e nutrizionali del frutto lo consacrano, infatti, come “frutto perfetto”, tanto da dare luogo a significativi momenti di commercializzazione del prodotto, presso il nostro mercato ortofrutticolo, all’ingrosso e da parte delle organizzazioni di produttori, sia per il consumo immediato sul territorio nazionale che per l’esportazione in paesi esteri. L’ottenimento della certificazione sarebbe un giusto riconoscimento per i nostri produttori, ma avrebbe anche i suoi positivi risvolti economici. Per tal motivo, si è deciso di affidare l’incarico a un soggetto con particolare esperienza nella procedura per l’ottenimento della certificazione”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento