Cronaca

Terrorismo internazionale, a Bari sei indagini in corso

Il dato emerge dalla relazione semestrale della Dna: le inchieste, tuttavia, sono ostacolate dalla mancanza di interpreti e dalla carenza di apparecchiature idonee da parte della polizia giudiziaria

Sei diverse indagini preliminari sul terrorismo internazionale, ma anche difficoltà e ostacoli nel portare avanti gli accertamenti. E' la situazione fotografata dalla relazione della Direzione nazionale antimafia relativa al periodo luglio 2014-giugno 2015.

Nella sezione relativa alla criminalità pugliese, il rapporto mette in luce come, pur essendo sei le inchieste per terrorismo aperte dalla Procura Antimafia di Bari, ci siano delle problematiche che rendono le indagini particolarmente complicate, come la difficoltà di trovare interpreti - considerata sia la molteplicità dei dialetti arabi che il timore che gli stessi interpreti nutrono nei confronti degli stessi intercettati - ma anche la carenza, da parte della polizia giudiziaria, di strumenti idonei alle intercettazioni telematiche, fondamentali per questo genere di indagini.

Nei mesi scorsi, a Bari,  gli agenti della Squadra Mobile, nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Dda, hanno arrestato un cittadino iracheno di 45 anni, già in passato condannato per terrorismo, sospettato di aver offerto 'supporto logistico' per consentire a soggetti in qualche modo legati all'area del fondamentalismo islamico combattente di entrare in Europa. Nell'inchiesta ci sarebbero in tutto dieci persone indagate.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorismo internazionale, a Bari sei indagini in corso

BariToday è in caricamento