Cronaca

Copiò la tesi per vincere il concorso, condannata aspirante prof

Un anno e quattro mesi la condanna emessa dal gup. Assolti gli altri due imputati: una docente di diritto internazionale della facoltà di Giurisprudenza e il presidente dell'Ordine degli Avvocati di Taranto

Il gup del Tribunale di Bari, Ambrogio Marrone, ha assolto "per non aver commesso il fatto" Angelo Esposito, presidente dell'Ordine degli Avvocati di Taranto e Gabriella Carella, docente di diritto internazionale della facoltà di Giurisprudenza, condannando a un anni e quattro mesi di reclusione (pena sospesa) Giuseppina Pizzolante, accusata d'aver copiato una tesi di dottorato sull'adozione internazionale spacciandola come propria pur di ottenere crediti utili a superare un concorso da associato, bandito dall' Università degli Studi di Bari nel 2008. La sentenza è stata emessa al termine di un processo celebrato con rito abbreviato.

Le indagini della squadra mobile della Questura di Bari sono cominciate nel febbraio 2010 dopo la denuncia della vera autrice della tesi, che aveva scoperto il presunto plagio dopo aver visto in vendita in una libreria di Bari il suo lavoro a firma, però, della Pizzolante. L'aspirante docente, infatti, secondo i giudici, non si era limitata a utilizzare quella tesi per acquistare crediti nel concorso, ma ne aveva ottenuto anche la pubblicazione.
(ANSA)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Copiò la tesi per vincere il concorso, condannata aspirante prof

BariToday è in caricamento