Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Test di ingresso a Medicina, "Gli uomini li superano più facilmente"

I risultati di un'indagine condotta dall'Università di Bari su 14.000 partecipanti alle prove di ammissione dal 2005 al 2011. Ma il rettore Petrocelli sottolinea: "Professione delicata, forse meglio valutare altri metodi di selezione"

I test di ingresso alla Facoltà di Medicina? Gli uomini li superano più facilmente delle ragazze. A dirlo è un'indagine commissionata dal ministero dell'Istruzione e svolta dall'università di Bari su 14.000 partecipanti ai test di ammissione alla facoltà di Medicina e chirurgia nel periodo compreso tra gli anni accademici 2005-2006 e 2010-1011.

I risultati mettono in luce come ad avere maggior successo nel superamento dei test siano soprattutto i ragazzi, sebbene le donne approdino alla prova di maturità con un voto più altro di 5-6 punti percentuali, altro fattore decisivo - sempre secondo i risultati dell'indagine - per una buona carriera universitaria. A completare l'identikit del 'candidato ideale', una maturità scientifica o classica conseguita con un voto alto. Per quanto riguarda le domande dei test, chi risponde correttamente a quelle sulla chimica ha più successo negli studi, mentre la cultura generale e la logica non sono statisticamente correlate al successo universitario, a differenza della biologia, della matematica e della fisica, che incidono nei primi anni di studi.

A presentare i dati sono stati questa mattina il pro-rettore e il rettore dell'Ateneo barese, Augusto Garuccio e Corrado Petrocelli. Quest'ultimo ha però sottolineato di "non avere grandissima simpatia per i test usati come strumento di selezione. Per una "professione delicata come quella del medico", ha ricordato Petrocelli, "si potrebbero usare altri metodi, valutando meglio l'orientamento dello studente e cercando di irrobustire le conoscenze di chi dimostra, ad esempio, l'inclinazione a fare il medico". "A fronte di una richiesta sempre crescente di medici, infermieri e scuole di specializzazione - ha concluso - dobbiamo chiederci se il metodo dei test sia davvero efficace!. D'altro canto, Garuccio ha evidenziato come sia "sostanzialmente una buona preparazione di base" nel corso degli studi superiori "l'elemento fondamentale sia nel superamento del test di ingresso sia per il successo della carriera universitaria".

Per l'anno accademico 2013-2014, data in cui le graduatorie dei test alle facoltà che permettono l'accesso alle professioni mediche sono nazionali, con la possibilità per gli idonei di iscriversi in città diverse da quelle in cui si supera il test, previa validità del punteggio, il numero di aspiranti medici all'università di Bari è pari a circa otto volte il numero dei posti disponibili: 3.428 domande per 300 posti disponibili (aumentati di circa il 15% negli ultimi due anni).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Test di ingresso a Medicina, "Gli uomini li superano più facilmente"

BariToday è in caricamento