Cronaca

Incendia auto per vendicarsi del raggiro al frantoio: nei guai bracciante agricolo

L'episodio a Toritto: denunciato un 24enne. Avrebbe dato fuoco alla vettura di un 62enne, che due anni prima, in qualità di responsabile di un frantoio, lo avrebbe ingannato dichiarando un peso inferiore delle olive portate dal bracciante alla molitura

Dà fuoco all'auto di un 62enne per vendicarsi di un presunto raggiro subito due anni prima, quando aveva portato le olive al frantoio per la molitura. Identificato dai carabinieri, un 24enne, bracciante agricolo, è stato denunciato.

L'episodio è avvenuto a Toritto. Le indagini sono partite dopo l'atto incendiario verificatosi nelle prime ore dello scorso 25 giugno, quanto era stato appiccato il fuoco al Volkwagen Passat di un 62enne di Toritto. Grazie alle immagini delle telecamere degli impianti di videosorveglianza presenti in zona e grazie all’attività info-operativa, i militari della locale stazione sono riusciti a risalire all'autore del gesto, 24enne bracciante agricolo del luogo, che conosceva la vittima. Così i carabinieri hanno ricostruito anche il movente, riconducibile a rancori risalenti all’anno 2018, quando la vittima, in qualità di responsabile di un locale frantoio, in occasione della pesa delle olive portate alla molitura, avrebbe raggirato il denunciato dichiarandone un peso inferiore. Il successivo controllo avvenuto presso l’abitazione dell’indagato, ha consentito il ritrovamento ed il sequestro degli abiti utilizzati durante l’azione delittuosa.

(foto di repertorio)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendia auto per vendicarsi del raggiro al frantoio: nei guai bracciante agricolo

BariToday è in caricamento