Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Toritto

La lite tra fratelli per i bidoni sporchi sfocia in rissa, nel parapiglia vola anche un coltello: scattano le denunce

E' accaduto a Toritto: i due, gestori di due locali vicini, avrebbero litigato per alcuni contenitori della spazzatura da pulire. Coinvolto anche un cliente: i tre sono stati denunciati

Avrebbero litigato per la pulizia di alcuni bidoni della spazzatura, per poi arrivare alla rissa, durante la quale ci sarebbe stato anche il lancio di un coltello.

E' accaduto la notte scorsa a Toritto, dove i carabinieri hanno denunciato tre uomini, due fratelli di 44 e 47 anni e un 54enne, tutti con precedenti.

I militari, intervenuti sul posto, hanno ricostruito l'accaduto attraverso le testimonianze dei presenti e l'analisi dei filmati delle telecamere di videosorveglianza. I due fratelli sono risultati essere gestori di fatto di due locali, un ristorante e una yogurteria. Tutto sarebbe cominciato quando la moglie del fratello che gestisce la yogurteria avrebbe chiesto al cognato, titolare del ristorante, di pulire i bidoni dei rifiuti presenti sul retro del suo locale, sulla strada adiacente alla yogurteria, poiché il cattivo odore infastidiva i suoi clienti. Al secco rifiuto dell'uomo sarebbe quindi intervenuto il fratello, marito della donna, insieme a un cliente della yogurteria, innescando il litigio poi degenerato. Nella colluttazione il ristoratore avrebbe anche lanciato un coltello, senza fortunatamente colpire nessuno. Rifugiatosi nel locale, l'uomo ha chiamato i carabinieri. Ad avere la peggio il cliente, che ha riportato un'escoriazione allo zigomo sinistro, medicata dal personale del 118.

I tre sono stati deferiti in stato di libertà: dovranno ora rispondere del reato di rissa. Il coltello è stato sequestrato e il ristoratore dovrà anche rispondere di porto d’armi ed oggetti atti ad offendere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lite tra fratelli per i bidoni sporchi sfocia in rissa, nel parapiglia vola anche un coltello: scattano le denunce

BariToday è in caricamento