Cronaca Torre a Mare

Eliminare i passaggi a livello di Torre a Mare, ad aprile i primi interventi: "Dureranno 18 mesi"

Ad annunciarlo è l'assessore Giuseppe Galasso nel corso di un'audizione al Comune: "Si comincerà tra poche settimane. Le aree saranno più sicure per pedoni, motociclisti e automobilisti"

Da inizio aprile saranno avviati i lavori per la realizzazione di due nuovi sottopassi ferroviari di Torre a Mare, in via Scizzo e via Coppa di Bari, quest'ultimo vicino al cimitero dell'ex frazione: è quanto è emerso nel corso di un'audizione dell'assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso, nel corso di una riunione di commissione consiliare a Palazzo di Città. I primi interventi, dunque, all'inizio di aprile, vedranno la chiusura al traffico dei passaggi a livello, riorganizzando così la viabilità alternativa. La durata prevista dei lavori è di 18 mesi per entrambi gli interventi. 

“Al termine di questi lavori scompariranno definitivamente i tempi d’attesa a cui erano purtroppo abituati i cittadini Torre a Mare e Noicattaro in corrispondenza dei due passaggi a livello - commenta l'assessore Galasso -, grazie alla possibilità di fruire della nuova viabilità che RFI realizzerà per una lunghezza complessiva di 1,2 km. Eliminare i passaggi a livello significa anche dare una risposta in termini di sicurezza dell’intera viabilità a servizio della ex frazione marina, che soprattutto nelle stagioni più calde diventa meta di balneazione di tanti ragazzi che, o con la bicicletta o con gli scooter, raggiungono la costa. Un ultimo aspetto positivo di questo intervento è l’abbattimento del tasso di inquinamento atmosferico che producono i motori delle auto in attesa o in fase di stop and go. Il nuovo sottopasso offrirà un ulteriore beneficio in termini di possibilità di sosta per i fruitore della necropoli di Torre a Mare, poiché l’attuale strada sarà trasformata in viabilità complanare dove sarà possibile parcheggiare”.

Nella stessa riunione, Galasso è stato interpellato anche sul tema del parcheggio della stazione: “Stiamo definendo la soluzione del progetto e i tempi di realizzazione - spiega ancora Galasso - in modo da programmare i nostri interventi sulla sistemazione delle aree, che avverrà dopo l’arretramento della recinzione della stazione. Sento di ringraziare i dirigenti e i tecnici di RFI che si stanno mostrando attenti e disponibili alle esigenze della città di Bari e dei suoi abitanti. Sono tante le persone che, per studio o per lavoro, si spostano in centro e se scelgono di utilizzare il treno invece dell’auto per raggiungere il centro vanno sicuramente incentivate e non scoraggiate. Il nostro impegno è quello di offrire loro un’area attrezzata e libera per lasciare l’auto in sicurezza e senza pericolo di ricevere sanzioni”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eliminare i passaggi a livello di Torre a Mare, ad aprile i primi interventi: "Dureranno 18 mesi"

BariToday è in caricamento