menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dragaggio del porto di Torre, il M5S: "Solo un oceano di parole"

Il portavoce del Movimento in Municipio I, critica l'andamento dei lavori: "Circa 1,7 milioni di euro per produrre solo la copertura della sabbia ammassata. Dove sono il pontone-draga e la vasca di scarico del materiale?"

Da circa un mese (e dopo il sopralluogo del sindaco Decaro a metà maggio) sono cominciati i lavori per il dragaggio del porto di Torre a Mare, ma il Movimento Cinque Stelle critica il modo in cui si sta procedendo per le opere, in particolare per i residui depositati sulla battigia che hanno formato una collinetta ricoperta da un telone bianco. A denunciarlo, sul blog del M5S, il consigliere del Municipio I, Italo Carelli: "Un appalto" da circa 1,7 milioni di euro "che ad oggi - spiega - dopo un oceano di parole, ha prodotto la sola copertura della sabbia ammassata e destinata chissà dove". 

Carelli spiega che "è passato quasi un anno" dalla sottoscrizione del progetto e non c'è alcuna traccia del pontone-draga e "della vasca di scarico del materiale dragato e delle relative analisi previste dal capitolato. A tal proposito - prosegue interrogheremo il Sindaco circa l’impianto di trattamento, che dovrebbe separare e lavare la frazione ghiaiosa, ovvero dove esso sia ubicato o se mai ve ne sarà uno".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento