Cronaca Torre a Mare

Torre a Mare, pesce avariato nel deposito abusivo: sequestrati 500 chili di prodotti ittici

Il capannone, adibito illegalmente ad attività di lavorazione del pesce, è stato scoperto e posto sotto sequestro dagli uomini della Capitaneria di porto. Denunciato il titolare

Celle frigorifere piene di ruggine e brina, locali fatiscenti, grandi quantità di pesce (scampi, gamberi, seppie, polpi, calamari, moscardini) messo a scongelare in vasche contenenti acqua di incerta provenienza, senza alcun rispetto delle norme igienico-sanitarie.

A scoprire e sequestrare il capannone, ubicato a Torre a Mare, sono stati ieri i militari specializzati del Nucleo di polizia giudiziaria della Guardia costiera di Bari, con il supporto di medici e tecnici di prevenzione dell’Azienda torre2-3sanitaria locale di Bari. Secondo quanto accertato nell'ambito del controllo, il deposito veniva utilizzato abusivamente, senza alcuna autorizzazione sanitaria, per attività di conservazione e trasformazione del pesce che veniva poi venduto illegalmente.

Oltre al sequestro penale del capannone e delle attrezzature utilizzate, i militari della Guardia costiera hanno provveduto al sequestro di oltre cinquecento chili di prodotti ittici, giudicati in cattivo stato di conservazione. Il titolare è stato denunciato a piede libero  all’Autorità Giudiziaria, per inosservanza di un ordine dell’autorità giudiziaria (articolo 650 del codice penale) e per commercio di alimenti in cattivo stato di conservazione (articolo 5, lettera b, legge 283/62).

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torre a Mare, pesce avariato nel deposito abusivo: sequestrati 500 chili di prodotti ittici

BariToday è in caricamento