Cronaca

Traffico di armi e droga, condanna ridotta per il boss Di Cosola

In appello la pena è passata da 20 a 12 anni di reclusione. Nei confronti del boss, sottoposto da circa due anni al regime di carcere duro, i giudici del secondo grado non hanno riconosciuto il reato di traffico di droga

Condanna ridotta da 20 a 12 anni di reclusione per il boss Antonio Di Cosola. Lo hanno deciso oggi i giudici della Corte d'Appello di Bari nell'ambito del processo 'Osiride' che vede imputati 31 presunti affiliati al clan, arrestati nel 2010.

Nei confronti del boss, sottoposto da circa due anni al regime di carcere duro (41 bis), i giudici del secondo grado non hanno riconosciuto il reato di traffico di droga, confermando invece le accuse di associazione mafiosa e armi.

Sostanzialmente confermato l'impianto accusatorio sulla presunta organizzazione criminale che, tra il 2003 e il 2010, avrebbe gestito le attività illecite (detenzione e porto di armi clandestine e di esplosivo, traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio di droga, lesioni personali) in alcuni quartieri baresi e nei Comuni di Adelfia, Capurso, Cellamare, Valenzano, Triggiano e Putignano.
In primo grado, nel novembre 2011, il gup del Tribunale di Bari aveva condannato 35 imputati a pene comprese tra 10 e 20 anni di reclusione e ne aveva assolti tre.

La Corte d'Appello ha confermato la sentenza rideterminando lievemente alcune condanne. Ai quattro imputati che erano ritenuti dall'accusa coloro che di volta in volta erano subentrati al comando del clan in occasione di arresti dei sodali - Antonio Battista, Antonio Abbinante, Giovanni Martinelli e Teodoro Frappampina - sono state inflitte condanne comprese tra i 16 anni e i 7 anni e 8 mesi di reclusione, di poco rideterminate rispetto a quelle inflitte in primo grado. Sostanzialmente confermate le pene inflitte a Gaetano Moschetti e Francesco Serafino (condannati l'uno a 15 anni e 4 mesi e 8 anni), ritenuti i responsabili dei 'gruppi di fuoco'.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di armi e droga, condanna ridotta per il boss Di Cosola

BariToday è in caricamento