Droga da Bari a Messina a bordo dei bus di linea: sgominata banda di trafficanti

Nove gli arresti nell'operazione 'Shuttle', condotta dai finanzieri di Messina: sgominata una presunta organizzazione dedita al traffico di droga tra Albania, Puglia e Sicilia, con a capo una donna

La droga, proveniente dall'Albania, viaggiava a bordo di autobus di linea dalla Puglia alla Sicilia. Così hashish e cocaina giungevano dal capoluogo pugliese a Messina, dove venivano poi 'smistati' e consegnati ai pusher.

A scoprire e ricostruire i traffici, un'indagine della Guardia di Finanza di Messina, che ha portato oggi all'arresto di nove persone (otto cittadini italiani e un albanese): tre sono finite in carcere, sei ai domiciliari. Si tratta - secondo gli investigatori - dei componenti di un'organizzazione dedita al traffico di droga tra Albania, Puglia e Messina. I reati contestati sono di traffico  di  stupefacenti e associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

Le indagini

L’operazione è stata avviata a seguito del sequestro di 5 panetti di hashish del peso complessivo di 5 chili, e di 50 grammi di cocaina, effettuato dai  Finanzieri di  Messina in servizio agli arrivi degli imbarcaderi privati. Le  successive attività investigative, coordinate  dalla  Procura  della  Repubblica  di  Messina, hanno 
permesso a locale Nucleo di Polizia Tributaria di ricostruire una pluralità di viaggi illeciti finalizzati all’acquisto  dei carichi di droga e di chiarire il modus operandi dei trafficanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La banda messinese, i contatti con la Puglia, i viaggi dei corrieri

Le indagini hanno così consentito di individuare il presunto gruppo criminale, operante nel comprensorio messinese, capeggiato da tre fratelli, una donna e due uomini. A dirigere gli affari sarebbe stata proprio la donna, che pianificava con i fornitori pugliesi ed albanesi i viaggi illeciti, grazie all’ausilio di “fedeli” corrieri, che  sfruttavano il servizio navetta (da qui il nome convenzionale dell’operazione di polizia denominata “Shuttle”)  dei  pulman  di  linea Puglia/Sicilia, per trasportare i carichi di droga, dal capoluogo pugliese a Messina. Le partite di sostanze stupefacenti sequestrate e quelle contrattate dagli indagati, individuate con la ricostruzione degli inquirenti, avrebbe fruttato, con la vendita al dettaglio, quasi mezzo milione di euro.
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

  • Incendio a Valenzano: fiamme nelle vicinanze delle palazzine, avvertite anche delle esplosioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento