Cocaina dall'Olanda a Bari: blitz e sequestri della Squadra Mobile, 5 arresti

In manette sono finiti altrettanti pregiudicati residenti nel capoluogo e nell'hinterland. Durante l'operazione sono stati sequestrati complessivamente 12 kg di cocaina pura

Cinque pregiudicati sono stati arrestati nel corso di un blitz effettuato dalla Squadra Mobile di Bari a contrasto del traffico di sostanze stupefacenti. In manette sono finiti 4 residenti dei quartieri Madonnella e Japigia e un cittadino di origine albanese con dimora a Modugno. Il gruppo avrebbe, a vario titolo, acquistato, ingenti quantitativi di cocaina con l'obiettivo di spacciarli in città. La droga, proveniente dall'Olanda, veniva trasportata, appositamente occultata, a bordo di auto condotte da cittadini albanesi e, in un'occasione, da una donna rumena.

IL BLITZ DELLA MOBILE: I NOMI DEGLI ARRESTATI

Nel corso delle indagini sono stati sequestrati, complessivamente, 12 kg di cocaina purissima. Le misure di custodia cautelare in carcere emesse dal gip del Tribunale di Bari su richiesta della Dda barese, riguardano, a vario titolo, il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'operazione è stata resa possibile grazie all'impegno delle Squadre Mobili di Bari e Firenze, coadiuvati da equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Puglia settentrionale.

VIDEO: LA DROGA NASCOSTA NEL DOPPIOFONDO DI UN' AUTO

LE INDAGINI - Le indagini sono partite nel 2015 da un'operazione della Polizia di Firenze, che aveva scoperto un traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Durante i controlli sono emersi collegamenti con i clan baresi, che hanno portato gli agenti ad investigare sulle due diverse piazze. Durante le indagini sono stati effettuati altri tre arresti a Bari. Il 31 ottobre gli agenti hanno fermato una coppia di albanesi in via Conte Giusso, che stavano trasportando sei chilogrammi di cocaina, già pagata 100mila euro in anticipo dai referenti baresi. Il terzo arresto avviene due settimane dopo sulla strada statale 16 - vicino Torre a Mare -, il 15 novembre: in manette finisce una donna albanese, nella cui auto viene scoperto un doppiofondo contenente altri 5 panetti di cocaina, anch'essi pagati in anticipo dai contatti baresi per 115mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La droga veniva trasportata dall'Olanda e stoccata in diverse città del nord Italia - ha spiegato il dirigente della Squadra mobile Annino Gargano - e poi da lì trasportata fino a Bari. Sul controllo del traffico di droga a Japigia e Madonnella si sta consumando una vera guerra tra i clan, e gli ultimi fatti di sangue avvenuti in zona lo dimostrano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

  • Vento forte e temporali in arrivo nel Barese: scatta l'allerta meteo arancione

  • Contagi dopo festa di 18 anni, chiude scuola ad Altamura: "Inconcepibili party per ballare"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento