menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traffico di droga tra Puglia e Basilicata, altri quattro arresti a Gravina: la gestione degli affari affidata a due donne

Le nuove ordinanze eseguite dai carabinieri di Matera e Tricarico nell'ambito dell'operazione 'Coppie di regine'. Due i gruppi individuati. A capo del sodalizio gravinese un 32enne sorvegliato speciale, che avrebbe 'delegato' alla compagna il controllo delle attività

Due donne a gestire le attività dei rispettivi gruppi criminali, 'in affari' per il traffico e lo spaccio di droga tra Puglia e Basilicata. Prende il nome da questa circostanza l'operazione 'Coppia di regine', condotta dai carabinieri delle Compagnie di Matera e Tricarico.

L'indagine ha permesso di inviduare due gruppi, con basi rispettivamente a Gravina e Irsina, che operavano in contatto tra loro, smerciando sul territorio la droga di cui si rifornivano, prevalentemente da Bari (ulteriori indagini sono in corso su questo aspetto). Dopo gli arresti e i fermi eseguiti lo scorso 22 gennaio, nei giorni scorsi altre quattro persone, tutte residenti a Gravina e di età compresa tra i 21 e i 32 anni, sono state arrestate: due sono finite in carcere, le altre ai domiciliari.

Tra gli arrestati figura anche un 32enne, ritenuto dagli investigatori l'organizzatore del sodalizio criminale. L'uomo - secondo quanto emerso dalle indagini - essendo sottoposto a sorveglianza speciale e quindi a una serie di restrizioni, avrebbe affidato la gestione degli affari alla sua compagna, per l’appunto una delle “regine” da cui deriva il nome dell’operazione. 

In merito ai 21 fermi eseguiti a gennaio, lo stesso GIP presso il Tribunale di Bari, a conferma della consistenza del quadro accusatorio scaturito dalle indagini dei Carabinieri di Matera e Tricarico, ha proceduto alla convalida degli stessi emettendo un’ordinanza cautelare con la quale ha disposto che 9 venissero posti agli arresti domiciliari, avendo ricoperto ruoli minori, e i restanti tutti in carcere, proprio per la loro importanza nell’organizzazione criminale e per la loro pericolosità.

Nel complesso, al momento risultano colpiti da provvedimenti restrittivi, 32 persone delle quali 7 dalla DDA di Potenza e facenti parte del sodalizio “Irsinese” e 25 dalla DDA di Bari appartenenti a quello “gravinese”. Di queste 4 sono originarie di Irsina, 27 di Gravina e 1 di Bari.

(foto di repertorio)
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento