Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Trasportavano immigrati clandestini in Puglia e poi li sequestravano, cinque arresti

È stata sgominata un'organizzazione di cinque uomini egiziani che trasportava immigrati clandestini dall'Egitto in Puglia per poi rapirli e chiedere un riscatto di 4mila euro alle famiglie

Cinque uomini tutti di origine egiziana sono stati arrestati oggi dai carabinieri di Bari in collaborazione con la questura di Ragusa. Gli uomini traghettavano immigrati dall'Egitto verso le coste pugliesi per 4.000 euro ciascuno e, una volta arrivati in Italia, li sequestravano e minacciavano le famiglie di origine dicendo che li avrebbero rilasciati solo dietro ad un riscatto pari al costo della traversata.

I cinque uomini di età tra i 25 e i 41 anni, accusati di sequestro di persona a scopo di estorsione e di violazione delle disposizioni di legge in materia di immigrazione, sono stati fermati a Barletta e nell'aeroporto di Fiumicino, mentre tra gli egiziani sequestrati è stato trovato anche un minorenne rilasciato in stazione a Foggia dopo che la famiglia di origine aveva pagato il riscatto.


Secondo quanto hanno ricostruito gli investigatori, gli immigrati partivano dal porto di Rachid, in Egitto, a bordo di varie imbarcazioni con lo scopo di raggiungere la Puglia. Sono stati accertati 51 casi di sequestri di persona da parte dell'organizzazione, cittadini di nazionalità egiziana e somala che una volta giunti in Italia venivano segregati in un casolare di campagna fino al pagamento del riscatto in cambio della liberazione. Nel caso di mancato pagamento gli immigrati prigionieri sarebbero stati uccisi. I sequestratori,  fermati poco prima che lasciassero l'Italia per tornare in Egitto, sono stati trasferiti nel carcere di Trani e in quello di Civitavecchia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasportavano immigrati clandestini in Puglia e poi li sequestravano, cinque arresti

BariToday è in caricamento