menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trentanove anni dalla strage di Bologna, Bari ricorda le sue vittime: cerimonia a Palazzo di Città

In mattinata la deposizione di una corona d'alloro presso la lapide affissa davanti al Comune, che riporta i nomi dei sette cittadini baresi che persero la vita nella tragedia

A 39 anni dalla tragedia, Bari ricorda le vittime della strage di Bologna. La cerimonia si è tenuta questa mattina davanti alla lapide affissa sulla facciata di Palazzo di Città, che commemora i sette cittadini baresi che persero la vita nell'esplosione: Sonia Burri, Francesco Cesare Diomede Fresa, Vito Diomede Fresa, Errica Frigerio, Patrizia Messineo, Giuseppe Patruno e Silvana Serravalli. Alla presenza dei familiari delle vittime e delle autorità civili e militari, l’assessore Vito Lacoppola ha deposto una corona d’alloro presso la lapide affissa sulla facciata di Palazzo di Città in memoria della strage.

“Ancora una volta, dopo 39 anni, siamo qui a ricordare un evento estremamente doloroso che ci restituisce la forza e la fragilità della nostra democrazia - ha detto Vito Lacoppola -. La forza che deriva dalla nostra vicinanza come istituzione ai familiari delle vittime e dal bisogno di verità e giustizia di un Paese intero. La fragilità che inevitabilmente ci assale ricordando un periodo storico in cui l’Italia intera è stata vittima di un attacco sistematico alle libertà. La strage di Bologna è stato sicuramente il più grave atto terroristico avvenuto nel Paese nel secondo dopoguerra, dentro una strategia della tensione che ha segnato irrimediabilmente le nostre coscienze e le nostre convinzioni. L’epilogo di un periodo duro di conflitti, di tensioni autoritarie e di ideologismi contrastanti che hanno profondamente diviso il Paese e messo a dura prova la tenuta democratica dell’Italia intera. Un decennio buio della Storia che ha costituito un vero e proprio spartiacque nella nostra crescita civile e che drammaticamente ci consegna una platea di vittime. Il 2 agosto del 1980, alle ore 10.25, 85 persone innocenti persero la vita e oltre 200 tra uomini, donne e bambini rimasero feriti. Da allora l’Italia ha reagito con forza e l’orologio della stazione di Bologna, fisso sulle 10 e 25, è divenuto il simbolo di un’identità comune e di un dovere morale di vigilanza e di ricerca della verità. Oggi ci raccogliamo qui, insieme, per ricordare che parte della nostra libertà di cittadini la dobbiamo a loro. Alle persone che inconsapevolmente hanno sacrificato la propria vita per costringerci a un drammatico risveglio della ragione”.

Alla cerimonia ha partecipato anche il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento