Consulenza della Procura boccia ancora l'edificio di via Nazariantz: "Inadatto a ospitare un Tribunale":

Dalla relazione del professor Chiaia emergono criticità sul palazzo. Il presidente del Tribunale, De Facendis: "La situazione impone la riduzione al minimo dell'utilizzo del plesso"

L'edificio di via Nazariantz a Bari non è adatto ad ospitare un palazzo di giustizia e andrebbe destinato a un uso differente per essere adoperato in sicurezza: lo afferma la consulenza disposta dalla Procura di Bari, rilevando criticità strutturali che renderebbero necessario il trasferimento degli uffici giudiziari in un altro luogo. Pochi giorni fa era stata decisa, dal Comune di Bari, l'inagibilità del Palagiustizia, in base a una relazione commissionata dal proprietario dell'immobile, l'Inail, le cui conclusioni trovano conferma nella consulenza del professor Berardino Chiaia che, già nei mesi scorsi, prima che la situazione arrivasse al aveva ricevuto l'incarico dalla Procura per verifiche tecniche sul palazzo, nell'ambito di un'indagine penale per violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e pericolo crollo.

"Alternativa declassamento edificio"

Nella consulenza si legge che "esiste l'alternativa di declassare l'edificio, ad esempio variandone la destinazione d'uso ed eliminando quindi il grande affollamento e/o alleggerendo considerevolmente i carichi verticali. Tale soluzione consentirebbe di diminuire l'intensità delle azioni gravitazionali sulla costruzione e quindi di raggiungere un accettabile livello di sicurezza strutturale statico".Lo stralcio della relazione del professor Chiaia è riportato nel provvedimento a firma del presidente del Tribunale di Bari, Domenico De Facendis, con il quale si regolamentano le udienze penali di primo grado fino al prossimo 30 giugno. "La situazione impone la riduzione al minimo dell'utilizzo di via Nazariantz, - scrive De Facendis - contenendo quantità e distribuzione dei carichi anche sulla base di quanto suggerito nella relazione del professor Chiaia". Nel frattempo proseguono i lavori per il completamento delle 3 tensostrutture allestite nell'area parcheggio del Tribunale e destinate a ospitare le udienze ordinarie di primo grado: dopo il montaggio di ieri, a cura dei volontari della Protezione Civile, saranno sistemati gli arredi, in tempo per domani, quando il Palagiustizia riaprirà. Per le udienze di Riesame, i processi con detenuti, le convalide e le direttissime, sarà a disposizione il Tribunale di piazza De Nicola. Nell'aula bunker di Bitonto, invece, si svolgeranno le udienze preliminari con imputati detenuti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 100: coinvolte 5 auto e un furgone, otto feriti. Aggredito soccorritore del 118

  • L'alga tossica 'invade' il litorale di Bari e dintorni: valori alti in città e in alcune località della provincia

  • In Puglia 20 nuovi casi di Covid, 4 nel Barese. Il dg dell'Asl: "Due nuclei familiari contagiati"

  • Dieci nuovi casi di covid in Puglia e nessun decesso. Un positivo in più nel Barese

  • "Il Covid colpisce anche d'estate. Sbagliato salutare con baci e abbracci": l'infettivologa invita a non abbassare la guardia

  • "Paga 50mila euro o bruceremo gli ulivi e faremo del male ai tuoi familiari": cinque baresi in manette dopo il blitz

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento