menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Triggiano: si spara davanti alla caserma dei carabinieri, muore il poliziotto Nicola Rutigliano

L'agente, 43enne in servizio presso il commissariato "San Nicola" di Bari vecchia, subito dopo il tragico gesto era stato ricoverato in gravissime condizioni al Di Venere di Carbonara. E' morto nel primo pomeriggio

E' morto nel primo pomeriggio all'ospedale Di Venere di Carbonara Nicola Rutigliano, 43 anni, l'agente di polizia che questa mattina aveva tentato il suicidio davanti alla caserma dei carabinieri di Triggiano sparandosi alcuni colpi di pistola alla testa.

L'uomo, in servizio presso il commissariato San Nicola di Bari vecchia, si è sparato all'interno della sua auto, una Seat Altea di colore grigio, usando la sua pistola d'ordinanza. A soccorrerlo sono stati gli stessi carabinieri, che dopo aver udito i colpi sono usciti dall'edificio trovando l'uomo agonizzante nella vettura. Il 43enne è stato prima trasportato al Fallacara di Triggiano, poi trasferito in condizioni  disperate al Di Venere di Carbonara, dove è morto nel pomeriggio.

Secondo quando si è appreso, l'uomo si è sparato un solo colpo di pistola alla tempia destra e il bossolo è fuoriuscito mandando in frantumi il vetro del lato guida dell'auto.

LE RAGIONI DEL GESTO - Nella sua abitazione di Triggiano, l'uomo avrebbe lasciato un bigliettino spiegando le ragioni del suo gesto estremo, che sarebbe stato legato a pesanti difficoltà economiche. A quanto si è saputo, prima di raggiungere la caserma, il poliziotto avrebbe fatto una serie di telefonate, tra cui una al 112, annunciando il suo gesto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento