Tronchesina e borsa schermata per rubare nel centro commerciale: prese due coppie

Gli arresti dei carabinieri a Casamassima: una delle due aveva manomesso i dispositivi antitaccheggio, mentre l'altra aveva nascosto profumi e vestiti in una borsa foderata con fogli di alluminio per eludere i sistemi di sicurezza

La borsa utilizzata per il furto

La prima - composta da un uomo e una donna di Castellaneta - è stata fermata dopo aver rubato capi di abbigliamento del valore complessivo di quattrocento euro. Dopo aver disattivato i dispositivi antitaccheggio con l’ausilio di una tronchesina, i due hanno cercato di oltrepassare le casse. Ma i loro movimenti hanno incuriosito gli addetti alla vigilanza che hanno immediatamente allertato la locale Stazione Carabinieri di Casamassima. Giunti sul posto, i militari hanno proceduto all’arresto dei due in flagranza di reato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più corposo invece il bottino saccheggiato nella stessa serata da una coppia di stranieri, di nazionalità georgiana, all’interno di un noto negozio della predetta galleria commerciale. Questi ultimi, dopo aver occultato in una borsa opportunamente schermata con fogli di carta di alluminio profumi e capi di abbigliamento, per un valore complessivo di quasi duemila euro, hanno cercato di eludere i sistemi di sicurezza. I due avevano compiti ben precisi: l’uomo aveva fatto incetta di numerosi profumi e cosmetici, naturalmente i più pregiati e costosi, mentre la donna aveva fraudolentemente asportato capi d’abbigliamento. La borsa sospetta dei due  non è passata inosservata al personale della sicurezza interna, che ha  deciso di far intervenire immediatamente i militari della locale Stazione Carabinieri. La pattuglia, prontamente intervenuta, ha bloccato gli stranieri tra l’altro privi di documenti. Una volta effettuata la compiuta identificazione, gli stessi sono stati tratti in arresto con l’accusa di furto aggravato e tradotti presso le Case Circondariali di Bari e Trani, come disposto dal Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Bari. La refurtiva, in entrambi i casi, è stata riconsegnata agli aventi diritto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • Fermare l'aumento dei contagi ed evitare il lockdown, oggi il nuovo dpcm: verso coprifuoco alle 22 e orari scaglionati per le scuole

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • Zone rosse anti movida, Decaro attacca il governo e il nuovo Dpcm: "Inaccettabile scaricare responsabilità sui sindaci"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento