Cronaca

Falsi incidenti, 82 indagati per una truffa da 300mila euro

Tra le persone coinvolte anche medici, avvocati e periti. I casi documentati di falsi incidenti risarciti dalle compagnie assicurative sarebbero almeno 66 per un importo pari a 300mila euro

Una truffa alle assicurazioni del valore di 300mila euro. La Procura di Bari ha notificato oggi l'avviso di conclusione delle indagini a 82 persone accusate di aver inscenato falsi incidenti stradali per ottenere risarcimenti dalle compagnie assicurative.

LE PERSONE INDAGATE - Tra le persone coinvolte nell'inchiesta, oltre a false vittime dei sinistri stradali e falsi testimoni, figurerebbero anche medici, avvocati e periti, accusati, a vario titolo, di truffa aggravata a compagnie assicurative e falsita' ideologica.

L'AVVIO DELLE INDAGINI - A far scattare l'inchiesta fu la denuncia presentata da una compagnia assicurativa, la quale segnalava numerosi casi di incidenti stradali in cui figuravano sempre le stesse persone, tutte residenti a Grumo Appula, Modugno, Toritto, Bitonto e Palo del Colle. SSEcondo quanto emerso dalle indagini, sono almeno 66 i casi documentati di falsi incidenti stradali risarciti da 14 diverse compagnie (Reale Mutua, Lloyd Adriatico, Cattolica, Duomo Uno One, Ras, Carige, Toro, Allianz, Ubi, Nuova Tirrena, Ina Assitalia, Aurora, Piemontese e Ugf).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsi incidenti, 82 indagati per una truffa da 300mila euro

BariToday è in caricamento