Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Triggiano

Falsi braccianti agricoli, otto denunce. Truffa all'Inps da 500mila euro

I finti dipendenti pagavano i datori di lavoro per assicurarsi l'assunzione fittizia e la successiva indennità di disoccupazione: otto le persone denunciate dai carabinieri a Triggiano e Noicattaro, tra titolari di aziende agricole e 'caporali'

Versavano quindici euro ai finti datori di lavoro per ciascuna (fittizia) giornata di lavoro, in modo da garantirsi la finta assunzione e poi incassare l'indennità di disoccupazione. Un meccanismo truffaldino ormai consolidato, da tempo finito nel mirino dei carabinieri e degli ispettori della Direzione provinciale dell'Inps.

I controlli effettuati in particolare nelle zone agricole del sud barese, in particolare tra Triggiano e Noicattaro, hanno permesso di individuare altri falsi 173 braccianti agricoli, per i quali l'Inps avrebbe indebitamente erogato indennità per circa 500mila euro.

Otto persone sono state denunciate, tra titolari di aziende agricole e caporali. Le indagini proseguono in tutta l’area del sud barese.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsi braccianti agricoli, otto denunce. Truffa all'Inps da 500mila euro

BariToday è in caricamento