Cronaca

Truffa ai risparmiatori, nuove denunce per la professoressa Coco

Tra le nuove accuse anche quella di un presunto raggiro da un milione di euro. Le denunce anche da altre regioni d'Italia, in particolare Veneto, Liguria e Lazio

Cresce ancora il numero di risparmiatori che sarebbero rimasti vittime della truffa messa in piedi dalla docente universitaria barese Caterina Coco. Al momento dell'arresto della donna, avvenuto a febbraio scorso, erano circa una ventina le persone che avevano presentato denuncia per truffa, per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro. Ma nelle settimane successive altre presunte vittime della  prof barese si sono fatte avanti. Si tratta di risparmiatori residenti in altre regioni italiane, in particolare Veneto, Lazio e Liguria. Tra questi, anche una funzionaria della Banca d'Italia che avrebbe affidato alla professoressa Coco risparmi personali per un milione di euro. Stando alle nuove denunce, la presunta truffa ammonterebbe a circa 20 milioni di euro.

La docente, tornata in libertà il 28 maggio scorso dopo tre mesi di detenzione (20 giorni in carcere e oltre due mesi agli arresti domiciliari), è indagata dalla Procura di Bari per esercizio abusivo dell'attività finanziaria, truffa aggravata e falso. Interrogata dagli inquirenti baresi dopo l'arresto, la donna aveva ammesso le proprie responsabilità, addossandosi ogni colpa e confessando di aver speso parte di quel denaro in gioielli e borse costose.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa ai risparmiatori, nuove denunce per la professoressa Coco

BariToday è in caricamento