menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffe agli anziani, in provincia di Bari meno casi registrati. L'appello della polizia: "Denunciate sempre"

Il dato barese in controtendenza rispetto a quello nazionale: il numero di raggiri registrati cala al -15%. Ma denunciare sempre è l'unico modo per combattere il fenomeno, per questo la polizia rilancia il suo invito: "Non siete soli, #chiamatecisempre"

Per combattere il fenomeno delle truffe ai danni degli anziani, è fondamentale non abbassare la guardia e denunciare sempre ogni possibile tentativo di raggiro, chiedendo aiuto alle forze dell'ordine.

Per questo la polizia, attraverso la sua campagna di comunicazione, rinnova l'invito rivolto agli anziani:  "Non siete soli, #chiamatecisempre".

"Grazie all´impegno quotidiano della Polizia di Stato - spiega la polizia - che si concretizza in iniziative di sensibilizzazione ed informazione soprattutto dei cittadini "over 65", è stato possibile far emergere il fenomeno delle truffe e disarticolare i gruppi criminali dediti a questo tipo di reato. Va infatti letto anche in quest´ottica l´innalzamento del 19% percento dei casi registrati nei primi otto mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo dell´anno precedente".

Nello stesso periodo di riferimento, in Puglia il trend del fenomeno segue la tendenza del dato nazionale, facendo registrare un aumento dell’8%. Diverso è il caso della provincia di Bari, che evidenzia un dato in controtendenza in cui spicca un sensibile calo dei casi registrati, attestandosi ad un -15%. Un dato che si presta ad una duplice lettura, in quanto il calo potrebbe essere legato ad una effettiva diminuzione dei casi, o, più probabilmente un maggior timore delle vittime a denunciare il raggiro subito, per un senso di vergogna o per reticenza.

Ancora più importante diventa, allora, il messaggio lanciato dalla polizia: "La vostra denuncia può evitare altre truffe".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento