Si fingevano forze dell'ordine per smerciare banconote false: così truffavano i piccoli commercianti

Le indagini, partite da Catania, hanno fatto luce sul 'traffico' che avrebbe fatto vittime anche in provincia di Bari

Partendo dalla provincia di Catania, sarebbero stati in grado di spacciare banconote false in diverse zone della penisola - tra cui anche le provincia di Bari - truffando in particolar modo i piccoli commercianti.

A ricostruire il 'traffico' e arrestare i quattro presunti responsabili, sono stati i finanzieri del comando provinciale di Catania. In particolare, nel corso delle indagini, utili si sono rivelate le intercettazioni telefoniche, che hanno permesso di ricostruire il modo in cui i soggetti agivano, smerciando le banconote contraffatte - in particolare da 100 euro - nel circuito nazionale.

Vittime erano i titolari di piccoli esercizi commerciali, e in particolare quelli privi di dispositivi di controllo delle banconote o di impianti di video-sorveglianza. Talvolta, tuttavia, neppure la presenza di dispositivi per il riconoscimento delle banconote false e l'attenzione prestata dagli esercenti hanno impedito la consumazione del reato. Gli indagati, infatti, in alcuni casi, sarebbero riusciti a truffare i commercianti più cauti e sospettosi dicendo loro di essere degli appartenenti alle forze di polizia, e inducendo così le vittime a fidarsi del denaro ricevuto.

La notizia su CataniaToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

Torna su
BariToday è in caricamento