Legato ad una macchina e trascinato, cagnolino salvato dai volontari a Turi

I volontari della Lega difesa del cane di Turi che lo hanno salvato lo hanno trovato in condizioni disperate: il pelo sulla parte destra del corpo quasi completamente asportato, e le ferite infettate. Ora Bino è fuori pericolo, ma avrà bisogno di cure lunghe e costose

I volontari della Lega di Difesa del cane non sono ancora certi delle cause che hanno provocato le ferite di Bino, il cagnolino salvato pochi giorni fa nelle campagne di Turi. Ma a giudicare dalle condizioni in cui il povero cagnolino è stato ritrovato, dev'essersi trattato di un "trattamento" piuttosto crudele. I veterinari, infatti, si dicono abbastanza certi che Bino sia stato legato ad un'auto con una corda e poi trascinato: tutto il lato destro del suo corpo, infatti, è quasi completamente scorticato e senza pelo, con ferite particolarmente profonde all'altezza della mandibola.  Una situazione che il cagnolino ha poi peggiorato da solo, leccandosi le ferite e provocandone l'infezione.

Ora Bino è fuori pericolo di vita, ma avrà bisogno di cure lunghe e costose prima di guarire completamente. “Bino starà con noi – ha spiegato Gaetano Pirulli della Lega Nazionale Difesa del Cane di Turi,  intervistato dall'agenza Geapress – e nonostante i problemi derivanti dall’affrontare già le prime spese, quello che mi preoccupa è quanto avverrà dopo. Bino avrà bisogno di una degenza lunghissima, si parla di mesi. Pulizia della ferita e terapia che sicuramente ci obbligherà a ricoverarlo in un pensionato. E’ fuori dalle nostre possibilità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto però si cerca di capire meglio cosa sia successo a Bino, e chi possa essere stato l'autore di un gesto così crudele. I volontari non escludono neppure che Bino non fosse un cane randagio, ma avesse in realtà un  padrone, magari residente nella stessa zona in cui Bino è stato ritrovato.  Per questo i volontari hanno fatto appello a tutti i cittadini, affinché chi è a conoscenza di qualcosa possa offrire il suo contributo per fare chiarezza sulla vicenda.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'alga tossica 'invade' il litorale di Bari e dintorni: valori alti in città e in alcune località della provincia

  • In Puglia 20 nuovi casi di Covid, 4 nel Barese. Il dg dell'Asl: "Due nuclei familiari contagiati"

  • Coronavirus, la Puglia registra 23 nuovi casi. Tre positivi nel Barese: "Due già in isolamento, un altro paziente arrivato da fuori regione"

  • "Il Covid colpisce anche d'estate. Sbagliato salutare con baci e abbracci": l'infettivologa invita a non abbassare la guardia

  • Temporali in arrivo nel Barese: la Protezione civile lancia l'allerta meteo gialla

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Bari usano... il freddo!

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento