Cronaca

Ubriaco, danneggia un'auto poi semina caos in un condominio suonando ai citofoni di prima mattina: bloccato 26enne

E' accaduto a Turi: il giovane è stato denunciato. Sarebbe anche il responsabile di un altro episodio, il danneggiamento dell'auto di un assessore comunale della cittadina: il fatto, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, non avrebbe alcuna connessione con la carica rivestita dalla vittima

In preda ai fumi dell'alcol, ha cominciato a suonare ai citofoni di una palazzina in via Dante, a Turi, infastidendo i residenti alle sette di mattina. Sul posto sono arrivati i carabinieri che hanno fermato il giovane, un 26enne di origini magrebine.

Nel momento in cui è stato bloccato e invitato a desistere, l’uomo che, poco prima aveva avuto un diverbio poi passato alle vie di fatto con alcuni suoi connazionali, ha farneticato che voleva andare a casa del fratello, sostenendo che abitasse in quella palazzina. Il 26enne, in evidente stato confusionale, è stato poi affidato al personale del “118” per essere sottoposto alle cure del caso.  

Successivamente i militari della Stazione di Turi hanno accertato che il 26enne era lo stesso individuo che la sera precedente, evidentemente in stato di alterazione dovuta all’abuso di alcol, in un'area di servizio in Largo Pozzi si era avvicinato a un sssessore Comunale che stava facendo rifornimento Mentre si allontanava, il 26enne ha rincorso l’autovettura colpendo con due pugni il lunotto posteriore, infrangendolo. 

Al momento, dai primi accertamenti investigativi effettuati, non emerge alcuna connessione tra l’episodio e la carica pubblica rivestita dalla vittima. I Carabinieri hanno, quindi, provveduto a denunciare a piede libero il 26enne, residente a Terlizzi ma che dimora a Turi poiché impiegato nella campagna cerasicola in atto, il quale dovrà rispondere di ubriachezza e danneggiamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ubriaco, danneggia un'auto poi semina caos in un condominio suonando ai citofoni di prima mattina: bloccato 26enne

BariToday è in caricamento