Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

'Tutta la musica del cuore' in onda su Rai Uno, è polemica: "Parla di Puglia mafiosa"

Il Pdl critica 'Tutta la musica del cuore', la miniserie finanziata da Apulia Film Commission: "Dà un'immagine negativa della Regione". La replica di AFC: "Ha un lieto fine che parla di affermazione del Sud"

Una fiction interamente girata in Puglia, finanziata dall'Apulia Film Commission, ma che parla di "Puglia mafiosa" e che "certo non contribuirà ad attrarre turismo, a migliorare l'immagine della Puglia, a sostenere la nostra economia". A parlare è Rocco Palese, capogruppo Pdl in Consiglio regionale. Al centro del suo attacco polemico, la fiction 'Tutta la musica del cuore', in onda in queste sere su Rai Uno.

LA FICTION - La miniserie in sei puntate, prodotta dalla Casanova Multimedia di Luca Barbareschi e Rai Fiction con il contributo di Apulia Film Commission, racconta la storia di Angela, giovane funzionaria del Ministero dell'Istruzione, che si ritrova a lavorare in uno sperduto Conservatorio del Sud. "Nonostante l'accoglienza calorosa di una Puglia luminosa e verace, - racconta la sinossi ufficiale della fiction - si percepisce come in un mondo lontano, che segue regole non scritte, in cui uno tra i pochi a rivendicare ad alta voce la legalità è un docente locale, Mattia. Dopo un iniziale scontro, con lui nascerà un'alleanza decisiva per difendere la scuola: la battaglia per la musica è, infatti, forse l'ultima occasione per non far tacere per sempre l'altra musica, quella silenziosa che è in ognuno di noi e che si chiama speranza".

LE CRITICHE DI PALESE - Quanto andato in onda finora, però, a quanto pare non ha convinto il capogruppo del Pdl, che in una nota attacca il presidente Vendola e l'Apulia Film Commission per il finanziamento dato ad una fiction che "dà una immagine della Puglia assolutamente negativa e completamente falsa". "150mila euro. Tanto hanno speso inconsapevolmente i cittadini pugliesi - dice Palese - per vedere l'immagine di una Puglia 'mafiosa' in prima serata e per sei serate su Raiuno nella fiction 'Tutta la musica del cuore' ambientata a Monopoli, anche se nel film il Comune si chiama Montorso forse proprio per evitare querele, cofinanziata da Apulia Film Commission, quindi dalla Regione Puglia, nel 2010 e in onda da ieri in prima serata su Raiuno". Secondo Palese, il finanziamento di Apulia Film Commission alla fiction è stato "il finanziamento più alto in assoluto concesso da Apc nel 2010".

LA REPLICA DI AFC - Dopo l'attacco lanciato da Palese, la replica della Fondazione Apulia Film Commission non si è fatta attendere. In una nota l'Afc invita il capogruppo del Pdl "ad unirsi ai 5 milioni e 777mila italiani che hanno visto ieri su Rai1 la prima puntata" della fiction Tutta la musica del cuore, "per scoprire il prosieguo di una storia che mette prima di tutto al centro la musica, la sua forza espressiva e la sua capacità di essere collante culturale e sociale". "Il capogruppo Palese - è detto nella nota - scoprirà un lieto fine che parla di successo, di affermazione degli artisti del Sud e di un Conservatorio che si trasforma in un polo di eccellenza". "La fiction, girata fra Monopoli e i comuni limitrofi - è detto ancora - ha richiesto 21 settimane di riprese, pari a sei mesi, cui se ne aggiungono due di preparazione, per un totale di otto mesi di lavoro nella nostra regione. L'impatto sul territorio è stato pari a sette volte il contributo erogato ed é quindi il più alto impatto mai realizzato in Puglia, secondo quanto rilevato da uno studio della Fondazione Rosselli". "L'Afc - è detto ancora - ha quindi totalmente assolto al suo compito statuario, ovvero quello di creare sviluppo sul territorio attraverso l'industria audiovisiva: l'Afc non si occupa di promozione turistica, non deve diffondere l'immagine di un territorio in senso turistico". "

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Tutta la musica del cuore' in onda su Rai Uno, è polemica: "Parla di Puglia mafiosa"

BariToday è in caricamento