menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Università, intitolata a Stefano Fumarulo un'aula di Scienze Politiche

Il 38enne dirigente regionale scomparso prematuramente 2 mesi fa è stato omaggiato assieme ad altre personalità tra cui Nicola Calipari e Giulio Regeni, a cui sono state dedicate altre aule

E' stata intitolata a Stefano Fumarulo, il compianto dirigente della Regione Puglia scomparso prematuramente lo scorso 13 aprile a Bari, un'aula della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi. Assieme a Fumarulo sono stati omaggiate anche altre personalità pugliesi e nazionali, a cui sono state dedicate altre aule: tra loro Luigi Ferrari Bravo, Gino Giugno, Nicola Calipari e Giulio Regeni. All'ingresso di ogni sala è stata apposta una foto della personalità scelta corredata da un breve curriculum. All'iniziativa hanno preso parte anche il sindaco di Bari, Antonio Decaro e il governatore pugliese, Michele Emiliano: "È un momento importante - spiega Decaro - perché normalmente, da sindaco, mi capita di inaugurare dei luoghi della città, delle strade, delle piazze o dei giardini e di intitolarle a persone che, attraverso l’attività professionale e l’impegno civile, hanno dato lustro alla propria comunità. Lo facciamo da un lato per onorare la memoria di queste persone, dall’altro per lasciare una traccia del loro percorso che può trasformarsi in un insegnamento alle nuove generazioni.

"Tra tutti coloro cui oggi è stata dedicata un’aula - aggiunge - c’è una persona a me molto cara, Stefano Fumarulo. Un ragazzo che è cresciuto con me e che è andato via troppo presto. Con lui ho avuto un’esperienza umana e politica importante. Abbiamo percorso un tratto di strada insieme. Quando ero parlamentare e lui componente della commissione Antimafia, abbiamo persino condiviso la stessa casa a Roma. Don Franco Lanzolla lo ha giustamente definito un partigiano moderno perché ha sempre saputo da che parte che stare. Mi fa piacere che da oggi a Stefano, che ha scritto delle pagine importanti della storia di questa città e di questa regione sulla lotta non repressiva alla criminalità organizzata e sull’antimafia sociale, che ci ha insegnato con il suo esempio e il suo lavoro a tracciare una linea netta tra il rispetto delle regole e l’illegalità, sia intitolata un’aula dove intere generazioni si formeranno proprio sui principi del diritto, sul rispetto delle regole e sulla legalità”.

"Sono grato all’Università di Bari e alla facoltà di Scienze Politiche-  ha affermato Michele Emiliano - per l’intitolazione di un’Aula a Stefano Fumarulo. Stefano è adesso al pari di personalità straordinarie della politica e della cultura pugliese perché è stato inserito tra aule intestate a Giuseppe Di Vittorio, Gaetano Salvemini, Gino Giugni e potremmo continuare. Questo non dà sollievo al nostro dolore, ma riconosce al dottor Fumarulo il ruolo che gli spetta. Se avesse avuto più tempo ne avremmo viste ancora delle belle, perché Stefano aveva dentro di sé l’energia, la forza, l’intelligenza e l’intuito per fare tante altre cose. Adesso il nostro compito sarà cercare, sulla base delle sue intuizioni, di andare avanti e di realizzare almeno in parte ciò che egli sicuramente sarebbe stato in grado di fare”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento